Modello 730 PRECOMPILATO 2017 | La video guida alla dichiarazione dei redditi

Tempo di lettura stimato: 6 minuto/i


730 PRECOMPILATO 2017

Dal 18 aprile è possibile accedere alla dichiarazione dei redditi 730 precompilato 2017 relativa ai redditi 2016. Ecco tutto ciò che c’è da sapere.

INDICE

Di cosa si tratta

E’ la possibilità di presentare la dichiarazione dei redditi (anche in forma congiunta) tramite il modello 730 compilato automaticamente contenente tutte le informazioni fiscali che sono state via via comunicate all’Agenzia delle Entrate. Il modello può essere modificato dal contribuente (integrandolo eventualmente con altre informazioni) prima di inviarlo tramite la procedura ONLINE.

Per eventuali modifiche (e per l’invio stesso) del 730 compilato 2017 ci si può rivolgere a un Caf (o un professionista abilitato) che, su apposita delega ricevuta dal contribuente, può accedere al 730 precompilato e agire per suo conto.

Per l’invio in forma congiunta, i coniugi trovano due distinte dichiarazioni 730 precompilate che, in fase poi di invio, è possibile congiungere.

La video guida al 730 precompilato 2017



E’ obbligatorio presentare il 730 precompilato 2017?

NO, il contribuente può scegliere di presentare la dichiarazione dei redditi ordinaria.

Chi può utilizzare la dichiarazione precompilata
  • Il contribuente che presenta:
    • il modello 730
    • il modello Redditi (ex Unico).

Quali informazioni contiene il 730 precompilato 2017
  • i dati della Certificazione Unica, il documento che viene consegnato al lavoratore dipendente o al pensionato dal sostituto d’imposta (rappresentato dal datore di lavoro o ente pensionistico);
  • gli interessi passivi sui mutui, i premi assicurativi e i contributi previdenziali;
  • le spese sanitarie e veterinarie e i relativi rimborsi;
  • le spese universitarie e i relativi rimborsi, le spese funebri e i contributi versati alla previdenza complementare;
  • bonifici e spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio, arredo degli immobili ristrutturati e per la riqualificazione energetica degli edifici;
  • dati contenuti nella dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (i dati dei terreni e dei fabbricati per esempio);
  • dati presenti nell’Anagrafe tributaria (versamenti F24, contributi versati, ecc..).

Tutto ciò che l’Agenzia delle Entrate ritiene incoerente o incompleto non viene inserito nella dichiarazione. C’è tuttavia la possibilità di fare chiarezza dando prima uno sguardo al riepilogo inserito dall’Agenzia all’interno del 730 compilato 2017 nel quale si potranno inserire i dati mancanti prima dell’invio.

Torna SU all’Indice

Termini di presentazione

Da martedì 18 aprile è possibile visualizzare e stampare il proprio 730 accedendo al sito dell’Agenzia delle Entrate. Da martedì 2 maggio a lunedì 24 luglio è possibile accettare o modificare il 730 precompilato e presentarlo via web all’Agenzia delle Entrate.

Modalità di accesso al sito dell’Agenzia delle Entrate

Si può accedere al sito dell’Agenzia in una delle seguenti modalità:

  • Fisconline (tramite pin e password ricevute direttamente dall’Agenzia delle Entrate)
  • Spid (cliccaci sopra per leggere la nostra guida)
  • Inps (codice fiscale e PIN)
  • Utenza NoiPa (codice fiscale e password) per i dipendenti di una Pubblica Amministrazione
  • Tutore o Genitore – che presenta la dichiarazione per conto del minore o tutelato
  • Erede – che presenta la dichiarazione per conto della persona deceduta
Tutore o genitore del minore ed erede

Questi soggetti devono registrarsi a Fisconline per poter presentare la dichiarazione per conto del tutelato, del minore o del deceduto. Si tenga presente che:

  • il tutore (nominato dal Giudice tutelare) o genitore del minore deve essere anche in possesso di una specifica delega rilasciata presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate;
  • dal 2 maggio l’erede, accedendo con le proprie credenziali a Fisconline, potrà presentare la dichiarazione indicando il codice fiscale della persona deceduta.

Come registrarsi a Fisconline

La registrazione al servizio Fisconline può essere effettuata:

  • ONLINE cliccando (in alto a destra) su “Area Riservata” sul sito dell’Agenzia delle Entrate, facendo click su “Non sei ancora registrato?”
  • APP “AgenziaEntrate” per smartphone scaricabile dal sito dell’Agenzia, dagli store Google Play (per Android) e App Store (per iPhone)
  • DI PERSONA recandosi o delegando una persona di fiducia (mediante procura speciale) presso un Ufficio Territoriale dell’Agenzia (necessario il documento di identità valido).

Come ricevere i RIMBORSI

Nel caso in cui al contribuente dovesse spettare un rimborso, verrà eseguito in questo modo:

  • 730 compilato: stessa modalità di quello ordinario ossia dal datore di lavoro o dall’Inps
  • 730 compilato senza sostituto d’imposta: rimborso ricevuto direttamente dall’Agenzia delle Entrate tramite accredito sul C/C bancario o postale indicato dal contribuente all’Agenzia (P.S.: coloro che sono registrati a Fisconline possono modificare le coordinate bancarie in qualunque momento accedendo al proprio profilo).
  • Redditi precompilato: secondo le modalità ed entro i termini descritti nelle istruzioni per la compilazione.

Torna SU all’Indice

Come effettuare i PAGAMENTI

Se invece dovesse risultare un debito:

  • 730 compilato: stessa modalità di quello ordinario ossia trattenuta eseguita dal datore di lavoro o dall’Inps sulla busta paga o rata di pensione a partire da luglio (nel primo caso) e da agosto/settembre (nel secondo caso)
  • 730 compilato senza sostituto d’imposta:
    • pagamento del rimborso tramite la funzionalità di pagamento inserita nella procedura di 730 precompilato 2017. Basterà indicare il proprio Iban dal quale addebitare il debito;
    • stampare il modello F24 precompilato pagando con le modalità ordinarie;
    • il Caf o professionista abilitato (che agisce per conto del contribuente) può trasmettere il modello F24 in via telematica oppure il contribuente può versare con il mod. F24 che lui gli consegnerà.
  • Redditi precompilato: secondo le modalità ed entro i termini descritti nelle istruzioni per la compilazione.
LEGGI anche:
@ Riproduzione riservata


Mauro Guitto

Mauro Guitto

Giornalista iscritto all’Ordine dei Giornalisti Regione Puglia

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
wpDiscuz
Torna SU