CGIL protesta contro reintroduzione VOUCHER | “Gli italiani presi in giro”

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i


CGIL protesta contro reintroduzione VOUCHER

Nemmeno 2 mesi fa il Senato, dopo quello della Camera, aveva dato il suo sì all’abrogazione dei Voucher che dal 2008 non potranno più essere sottoscritti. Almeno così il Governo aveva fatto credere perché con la manovra appena approvata dal Senato (con 144 sì, 104 no) e diventata legge, è prevista l’introduzione dei libretti lavoro e prestazioni occasionali… praticamente dei voucher sotto “mentite spoglie”. E’ stata l’unica sigla sindacale ad aver combattuto (e ottenuto) per l’abolizione dei voucher e l’unica a scendere nuovamente in piazza dopo la “manovrina” diventata legge. Oggi la CGIL protesta contro reintroduzione voucher perché con un’astuta mossa il Governo li ha praticamente rimessi in gioco.

La manifestazione di Roma

Il messaggio chiaro lanciato oggi a Roma, in Piazza San Giovanni: “La democrazia va difesa“. La Cgil, sfilando per le vie della capitale in due cortei con lavoratrici e lavoratori provenienti da tutto il Paese, ha chiesto “rispetto per il lavoro e la Costituzione”, attaccati dal Governo con la reintroduzione dei voucher. Una protesta alla quale hanno preso parte anche molti studenti dell’ “Unione degli Universitari (Udu)” e della “Rete degli Studenti Medi” che ne hanno condiviso le motivazioni.

La Confederazione, infatti, ha raccolto milioni di firme per chiederne l’abolizione, ma, con uno schiaffo alla democrazia, il referendum abrogativo indetto non si è mai tenuto: una legge ha impedito agli italiani di esprimersi e ha fatto rientrare dalla finestra ciò che era uscito dalla porta. E “quando si violano le regole democratiche del Paese ci preoccupiamo perché certi precedenti sono pericolosi”. Lo ha detto dal palco la segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso.

“Una violazione della Costituzione

Ha sottolineato la Camusso: “La politica non ha avuto il coraggio di fare una battaglia a viso aperto, ha usato furbizie ma la nostra battaglia non finisce qui. Ricorreremo alla Corte, abbiamo già raccolto più di 150 mila firme. Con tutto il rispetto, faremo presente al Presidente Mattarella che siamo di fronte a un’esplicita violazione della Costituzione”.

Ore prima della manifestazione la Camusso si era già espressa duramente nei confronti del Governo e del Parlamento rei di “non aver abrogato i voucher bensì i referendum che avrebbero dato agli italiani la possibilità di esprimersi a riguardo. Un Parlamento e un Governo che in 35 giorni votano una legge e poi il suo contrario minano la loro credibilità ed autorevolezza e la stessa fiducia nelle Istituzioni”.



CGIL protesta contro reintroduzione voucher: per Gentiloni la protesta di un solo sindacato

Rispetta la manifestazione ma non la condivide il Premier Gentiloni secondo il quale si è trattato non della protesta del sindacato ma di un sindacato. Del resto non avrebbe potuto dichiarare il contrario Gentiloni, visto che le novità sono arrivate ad opera del Governo e del Parlamento. Molti italiani si sentono presi in giro da questa reintroduzione dei voucher “sotto mentite spoglie”, come l’abbiamo definita in apertura. E, sebbene non tutti in Italia siano sfavorevoli ai voucher, la Cgil fa sul serio anche stavolta e promette battaglia.

Cosa prevedono le nuove regole introdotte
  1. Libretto famiglia
    • Servirà a pagare le prestazioni occasionali per piccoli lavori. Ogni buono ha un valore di 10 euro e vale per un’ora.
  2. Prestazione occasionale
    • Una prestazione lavorativa che vale solo per le aziende con meno di 5 dipendenti
  3. Tetto
    • Stabilito un compenso limite di 5 mila euro all’anno per ogni azienda
  4. Pagamento compensi
    • L’Inps provvede a eseguire il pagamento del compenso al lavoratore il giorno 15 del mese successivo alla prestazione effettuata. Lo fa in entrambi i casi (libretto e prestazione occasionale)

Credits Photo: CGIL

LEGGI anche
@ Riproduzione riservata


Mauro Guitto

Mauro Guitto

Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
wpDiscuz
Torna SU