Prodotti SOTTOMARCA e DISCOUNT | I tanti FALSI MITI da sfatare

Tempo di lettura stimato: 5 minuto/i


Prodotti sottomarca e Discount

Un binomio che per molti è apparentemente sinonimo di prodotti di bassa qualità: prodotti sottomarca e discount. Ma è davvero così ? Resterete stupiti di quanto vi diremo tra poco…

Discount e prodotti sotto..valutati

La crisi imperante ha avuto il suo peso incrementando il numero di famiglie che ripiega su prodotti sottomarca e discount. E così ecco che il carrello si riempie di prodotti alimentari sottomarca che imitano in qualche modo quelli di marche note a un prezzo senz’altro più abbordabile. Ma se poi sottomarca non lo fossero del tutto? Siamo sicuri che prodotti sottomarca e discount siano il significato di prodotti di scarsa qualità dimostrata dal prezzo “eccessivamente conveniente” ?

In realtà dovete sapere che i costi contenuti derivano da alcuni fattori: non tutti sanno che il packaging (la confezione) meno invitante dei prodotti discount è uno degli aspetti principali che giustificano il prezzo inferiore e un altro motivo deriva dal fatto che molti articoli alimentari sottomarca vengono prodotti proprio dalle stesse aziende che firmano quelli più costosi venduti dalle grandi catene di distribuzione a un prezzo superiore derivante anche dai costi pubblicitari investiti dalle grandi aziende produttrici e dai costi di distribuzione. Non ci credete? Vediamo nello specifico alcuni esempi nelle più note catene discount e i prodotti che propongono.

Prodotti Eurospin

  • I biscotti BUON MATTINO sono prodotti da Colussi.
  • Le merendine da colazione come i cornetti con ripieno di cacao e crema pasticcera di Dolciando & Dolciando sono prodotti nello stabilimento Bauli.
  • Il Caffè Don Jerez, macinato e in grani, è prodotto da Pellini e Saicaf.

Anche su pasta e riso le famiglie italiane si orientano sulla sottomarca che tanto sottomarca non è se pensiamo che il riso Delizie del Sole è prodotto da Scotti e che la pasta fresca ripiena della linea Tre Mulini viene prodotta dallo stabilimento Giovanni Rana. La passata di pomodoro Delizie del Sole è prodotta da De Rica.

Quasi tutti i succhi di frutta che si trovano in vendita da Eurospin sono prodotti da Santal, mentre il thè freddo Blues viene prodotto negli stabilimenti S. Benedetto. Per quanto riguarda salumi e wurstel invece, leggendo sulla confezione, scoprirete che la mortadella in vaschetta La Bottega del Gusto è firmata Fiorucci, mentre i wurstel Tobias in vari formati sono prodotti da AIA e Amadori.



Prodotti Penny Market
  • Il latte Valbontà è prodotto da Sterilgarda.
  • Il “misto per insalata di riso (senza olio)” di Ortomio da 580 ml è prodotto da Coelsanus.
  • Il Salame Campagnolo “Le Freschette” è prodotto da “Citterio Spa”.
Prodotti Lidl
  • I Plumcake allo yogurt Nastrecce sono prodotti da MisterDay.
  • I grissini Certossa linea Lidl sono prodotti da GrissinBon.
  • La bresaola Fresca Fetta Lidl è prodotta da Beretta.
Prodotti Todis
  • La Pasta del Levante è prodotta da Riscossa.
  • Il tonno in scatola Re di tonno è prodotto da Tonno Consorcio.
  • Il Parmigiano grattugiato Colle Maggio è prodotto da Parmareggio.

Questi sono solo alcuni esempi dei prodotti che si possono trovare nelle catene discount più diffuse e ci fanno capire che, aprendo bene gli occhi leggendo con attenzione e pazienza le etichette dei prodotti che intendiamo acquistare, possiamo comunque spendere bene e risparmiando senza rinunciare alla qualità. Scopriremo piacevolmente che i supermercati discount sono un modo diverso di fare la spesa e che non è una vergogna (così la vivono alcuni) andare al discount a fare spesa piuttosto che nel grande centro commerciale.

Le origini del discount

Il concetto di discount, inteso come sistema di distribuzione, nasce in Germania nel secondo dopoguerra in risposta alla crisi economica di quei tempi: un sistema snello, ridotto all’essenziale, che punta ad abbattere i costi e non si cura della forma. Tra gli anni ’70 e ’80 però assistiamo a una evoluzione del sistema dei discount, che si indirizza verso strutture di produzione moderne ed efficienti. I discount alimentari approdano in Italia negli anni ’80 e sicuramente non fanno breccia nel cuore dei consumatori per quell’aria ”povera” che ispirano.

Si dovranno attendere gli anni ’90 per assistere al boom dei discount nel nostro Paese: la grande quantità di negozi non fece che inflazionare e peggiorare la qualità dei prodotti dei discount, alimentando poi il pregiudizio che permane ancora oggi. Oggi il numero dei supermercati discount si è ridimensionato, permettendo un miglioramento delle strutture, poiché operano nel settore soltanto poche e ben organizzate aziende.

LEGGI anche
@ Riproduzione riservata


Rosita

Rosita

Food Blogger, articolista di food, wellness e salute

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
Torna SU