Abbandono litoranea tarantina | La denuncia dei Liberi e Pensanti

Tempo di lettura stimato: 1 minuto/i


Abbandono litoranea tarantina | La denuncia dei Liberi e Pensanti

Abbandono litoranea tarantina. Il Comitato Cittadini Liberi e Pensanti, con un post sul profilo Facebook, denuncia lo stato di abbandono in cui versa la litoranea tarantina sommersa da cumuli di immondizia. Il Comitato aggiunge “Un perfetto bigliettino da visita a dimostrazione del costante abbandono della politica in ambito turistico e non solo. Terra di nessuno, il tratto di strada tra Gandoli (comune di Leporano) e Lama (comune di Taranto), in totale stato di abbandono da tempo considerevole, la cosa che ci preme sottolineare è che nessuna azione è stata fatta per rendere il tragitto “migliore” durante la stagione estiva e che, questo degrado, coinvolge tutta la splendida litoranea ormai costellata di strutture alberghiere in disuso e ristoranti abbandonati”. I Liberi e Pensanti proseguono la denuncia esortando chi di dovere ad assumersi le proprie responsabilità e a rimediare a quello che considerano uno sfacelo. A Taranto si continua a vivere nella confusione più totale aggravata in prospettiva (e non solo) proprio in queste ultime ore durante le quali il Sindaco Ippàzio Stefàno, ha praticamente cancellato la Giunta (con l’intento di riformarla con nuovi elementi) quando forse sarebbe (stato) più sensato dimettersi per permettere alla città di scegliere un nuovo Sindaco e di conseguenza permettere la formazione di una nuova amministrazione. (foto Liberi e Pensanti)

 

Torna alla Homepage de La Gazzetta Digitale

FOOD

SEGUICI SU TWITTER

@ Riproduzione riservata



CASTING TELEVISIVI

Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia con background informatico (avendo lavorato per anni come help desk su sistemi operativi Windows). Scrivo articoli di utilità sociale, di spettacolo e sport. Seguo i casting televisivi e cinematografici per aiutare gli interessati a candidarsi. Mi interesso anche di altri temi: sicurezza alimentare, lavoro, scuola, sicurezza stradale...

Commenta l'articolo

Commenta per primo

  Subscribe  
Notifica
Torna SU