Napulitane | Popolo caloroso e socievole, siamo fatti così

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 1 minuto/i


Napulitane

Napulitane. Chi non li conosce, scoprirà in questa mia poesia un popolo caloroso, socievole e armonioso e checché se ne dica, noi Napulitane siamo fatti così.

La poesia

Comme so’ bbelle quanno vanno a cchiorme,
che tennerezza chisti guagliuncielle!
‘O stesso è ‘ncielo, primma ‘e vulà a stormo,
se ‘ncontrano, s’accocchiano ll’ aucielle.

Nun volano, se pigliano p’’a mano,
se scioglieno, se tornano a ppiglià;
so’ scugnizzielle,so’ napulitane…
E’ neve ‘ncopp’’o nniro ‘e ‘sta città.

Dduje pat’’e figlie, dduje fravecature,
magneno ‘o stessu ppane, quann’ è ll’ora
e ppo’ parlanno ‘nzieme d’’e ccriature,
‘na lacrema se sperde ‘int’’o sudore.

N’ atu fravecatore porta ‘o vino
e ccu ‘a bbutteglia fanno ‘o passamano;
tre vvocche mentre ‘a quarta s’avvicina…
Accussì bbeve chi è napulitano!

Ddoje femmene se tireno ‘e capille,
se vatteno,pareno ddoje janàre;
doppo tanta mazzate e ttanta strille
s’appaciano e ddiventeno cummare.

Diventeno quase sòre carnale,
dduje vasce ch’ addiventeno ‘na casa;
teneno ‘o ppepe,ma so’ ssenza sale.
Se danno a mmòrze e ppo’ se danno ‘e vase.

‘Sta ggente ca se sbatte comme ll’onne,
si pure sta murenno te dà ‘a mano.
Nun è ‘na fessaria, nun è nu suonno…
So’ bbrabva ggente, so’ napulitane.

So’ ccomme cchella chiorma ‘e guagliuncielle
ca corre, corre e nun sape addò va;
peccato ca so’ nnate senza scelle…
Sulo cu ‘a fantasìa ponno vulà.

Ascolta l’audio della poesia

LEGGI altre poesie e articoli di CULTURA



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Antonio Ruggiero

Antonio Ruggiero

Scrittore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU