Come chiedere il rimborso a Ryanair | Ecco la procedura in caso di volo cancellato

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Come chiedere rimborso Ryanair

La questione della cancellazione dei voli da parte della compagnia aerea low-cost sta causando tanti disagi ai viaggiatori che pensano a come chiedere rimborso Ryanair.

Volo alternativo o rimborso

Entro 7 giorni è possibile chiedere il rimborso del biglietto oppure la prenotazione di un volo alternativo. Il viaggiatore ha inoltre diritto a un indennizzo nella misura di:

  • 250 euro per voli inferiori a 1500 km;
  • 400 euro per voli intra-Ue superiori a 1500 km e per le altre tratte comprese tra 1500 e 3500 km;
  • 600 euro per voli extra-UE superiori a 3500 km.

Come chiedere rimborso Ryanair

La richiesta d’indennizzo per cancellazione volo da parte della compagnia deve essere inviata dal passeggero a Ryanair compilando il modulo disponibile online. I rimborsi saranno elaborati entro 7 giorni lavorativi tramite la forma di pagamento usata per la prenotazione originale.

La compagnia aerea ha la facoltà di ridurre l’ammontare dell’indennizzo del 50% se la riprotezione su un volo alternativo comporta un ritardo all’arrivo di non più di 2, 3 o 4 ore (sulla base delle distanze chilometriche) rispetto all’orario del volo originariamente prenotato.



I dati da indicare nella richiesta

Nel modulo si dovranno indicare i seguenti dati, prima di fare click sul tasto “Invia la richiesta di rimborso”:

  • Numero e dettagli (es: sola andata o ritorno) della prenotazione del volo;
  • numero e data del volo;
  • nome, cognome e email del passeggero.
Quando il passeggero NON ha diritto all’indennizzo
  • Se è stato informato della cancellazione almeno 2 settimane prima della partenza;
  • nel caso in cui il viaggiatore sia stato informato della cancellazione nel periodo tra 2 settimane e 7 giorni antecedenti alla partenza prevista. In questo caso, se contestualmente gli è stato offerto anche:
    • un volo alternativo che gli consente di partire non più di 2 ore prima dell’orario previsto;
    • di raggiungere la destinazione finale meno di 4 ore dopo l’orario d’arrivo previsto;
  • se è stato informato della cancellazione meno di 7 giorni prima della partenza prevista. In questo caso, se contestualmente gli è stato offerto anche:
    • un volo alternativo che gli consente di partire non più di un’ora prima dell’orario previsto;
    • di raggiungere la destinazione finale meno di 2 ore dopo l’orario d’arrivo previsto.
LEGGI ANCHE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 14
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU