Stangata scolastica per ogni studente | Fino a 1100 euro, salasso SCUOLA

loading...

Stangata scolastica per ogni studente

Intorno ai 1100 euro si spenderanno per i libri e ai 500 euro per l’acquisto di zaini, diari, astucci. Questa sarà la stangata scolastica per ogni studente alla quale sarà sottoposta ogni famiglia italiana.

Spese per l’istruzione e spese NON istruttive

E’ bene non confondere le spese necessarie con le spese inutili, eccessive e non istruttive che tra l’altro non fanno altro che aggravare la stangata scolastica per ogni studente già di per sé molto pesante.

Se per accontentare i capricci di vostro figlio acquistate un diario con l’immagine di un noto supereroe o di un personaggio “in voga” di questi tempi, non lamentatevi poi di aver speso 5 volte di più per un diario che all’interno è uguale a tanti altri.

Stesso discorso per zaini e astucci: se per esempio pagate tanto per uno zaino alla moda e/o che raffigura personaggi famosi, la cui qualità è identica (o addirittura inferiore) ad altri che invece appaiono “anonimi”, non lamentatevi.



Stangata scolastica per ogni studente: gli Ipermercati

Settembre è ormai alle porte e i più grandi ipermercati già da tempo hanno messo in bella esposizione tutto l’occorrente per il prossimo anno scolastico 2016/17.

La tattica è ormai arcinota: appena entrati nel supermercato, i potenziali acquirenti già si ritrovano davanti una miriade di scaffali e box strapieni di diari, astucci, colori e tutto ciò che serve (?) per cominciare al meglio (?) il nuovo anno scolastico.

Istruzione.. quanto ci costi!

Settembre vuol dire fine delle vacanze (quasi) per tutti e soprattutto vuol dire mettere le mani al portafogli per tante famiglie per l’inizio del nuovo anno scolastico dei propri figli.

E anche quest’anno la spesa prevista per il nuovo anno scolastico che sta per arrivare, è davvero da paura.

Fa pensare soprattutto a coloro che non possono permettersi tali spese e che non possono certo rinunciare all’istruzione dei propri figli.

Le stime di Codacons

Codacons, per il corredo scolastico (penne, diari, quaderni, zaini, astucci, ecc.) stima che i prezzi al dettaglio saranno sostanzialmente stabili rispetto al 2015.

Per l’anno scolastico 2016/2017, una famiglia media dovrà mettere in conto una spesa annua che sfiorerà i 500 euro a studente (498,5 euro), cui va aggiunto il costo per libri di testo, altra voce che inciderà pesantemente sui portafogli delle famiglie italiane, variabile a seconda del grado di istruzione e della scuola.

Codacons denuncia il fatto che tra corredo e libri di testo, la spesa complessiva potrà raggiungere e superare i 1100 euro a studente, una vera e propria stangata per le tasche degli italiani.

I consigli per gli acquisti diffusi da Codacons

Risparmiare sensibilmente e abbattere i costi del 40% della spesa scolastica si può.

Ce lo dice Codacons, e alcuni dei consigli sono proprio quelli di cui parlavamo all’inizio di questo articolo:

  • Non inseguite le mode. In questi giorni tutte le televisioni stanno bombardando i vostri figli con pubblicità mirate agli acquisti necessari per la scuola. Allontanateli dalla TV e non fatevi condizionare dal mercato pubblicitario. Non inseguendo le mode, per il corredo potreste spendere il 40% in meno, acquistando prodotti di identica qualità. Basta non comprare gli articoli legati ai personaggi dei cartoni animati o bambole famose.
  • Supermercato? Nei supermercati si può arrivare a risparmiare fino al 30% rispetto alla cartolibreria. Andate con la lista dettagliata della spesa e obbligatevi a rispettarla. In questo periodo alcune catene di supermercati vendono i prodotti scolastici addirittura a prezzi stracciati: sono i cosiddetti prodotti “civetta”. Vengono venduti beni addirittura sottocosto, contando sul fatto che comunque finirete per acquistare anche tutto il resto. Approfittatene, acquistando solo i prodotti civetta! Poi cambiate supermercato!
  • Rinviate gli acquisti. Abbiamo la pessima abitudine di acquistare subito tutto quello che servirà nel corso dell’anno. Le scorte di quaderni e penne si possono anche comprare in un momento successivo. Spesso, aspettando, si risparmia.
  • Aspettate i professori. Per le cose più tecniche (dal compasso ai dizionari), poi, è bene attendere le disposizioni dei professori, onde evitare acquisti superflui o carenti.
  • Offerte promozionali e kit a prezzo fisso. Ben vengano! Possono essere convenienti. Se non sono frutto di un accordo con le associazioni di consumatori, che fanno da garante, confrontate comunque i prezzi e controllate la qualità del prodotto, specie per lo zaino (per il quale sconsigliamo in ogni caso l’acquisto, dando la preferenza al trolley).

LEGGI altri articoli sul tema SCUOLA

@ Riproduzione riservata


Mauro Guitto

Mauro Guitto

Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
wpDiscuz
Torna SU