Assegno unico figli universale 2022 | Domande dal 1° gennaio, requisiti e importi

CONDIVIDI

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i

Articolo aggiornato domenica, 2 Gennaio 2022 10:41

ASSEGNO UNICO FIGLI UNIVERSALE 2022

Com’è ormai noto, iIl Consiglio dei ministri ha dato l’ok definitivo al decreto attuativo dell’assegno unico figli universale. Vediamo dunque quali sono i requisiti e gli importi.

DOMANDE DAL 1° GENNAIO

Dunque il nuovo assegno che sostituirà tutte le forme di assegno per i figli esistenti fino ad oggi (eccetto il bonus asili nido), sarà in funzione dl primo giorno dell’anno nuovo. Il testo non ha infatti subito modifiche con il via libera al decreto attuativo.

Questo significa che da marzo 2022 inizieranno le erogazioni degli importi a favore degli aventi diritto.

MENU

DESTINATARI DELL’ASSEGNO

Avranno diritto all’assegno tutte le famiglie dal 7° mese di gravidanza del bambino fino al compimento dei 21 anni di età. Si tratta di un aiuto che riguarda tutte le categorie di lavoratori dipendenti (sia pubblici che privati), autonomi, pensionati, disoccupati e inoccupati.

IMPORTI

Quanto spetterà alle famiglie? Ecco gli importi:

  • 175 euro al mese per i minorenni dal 7° mese di gravidanza;
  • 85 euro per i maggiorenni tra 18 e 21 anni.

TORNA AL MENU

REQUISITI

Per usufruire del nuovo assegno (o bonus figli) bisognerà dimostrare che il proprio Isee sia al di sotto di 15 mila euro. L’importo dell’assegno sarà inferiore quando il valore del’Isee sarà uguale o maggiore di 40 mila euro. In questo caso l’assegno diventa rispettivamente di 50 euro e 25 euro al mese.

QUANDO L’IMPORTO DELL’ASSEGNO AUMENTA

Per le famiglie che hanno più di 2 figli, questi sono gli ulteriori importi:

  • figli successivi al secondo (da 85 a 15 euro);
  • minorenni non autosufficienti (105 euro);
  • nuclei familiari dove l’età della mamma è inferiore a 21 anni;
  • famiglie dove c’è un figlio disabile:
    • 95 euro in caso di disabilità grave;
    • 85 euro se media;
    • 80 euro se hanno 18-20 anni, quando entrambi i genitori lavorano (in questo caso l’importo dell’assegno è di 360 euro l’anno per gli Isee sotto i 15 mila euro).
VALIDITÀ

L’assegno avrà validità annuale da marzo a febbraio di ogni anno. Quindi da gennaio si dovrà presentare ogni anno la domanda all’Inps, tramite i soliti seguenti canali:

  • sito web dell’ente previdenziale
  • call center Inps
  • patronati e Caf abilitati.

TORNA AL MENU

SE PRESENTO LA DOMANDA DOPO GENNAIO COSA SUCCEDE?

Se la domanda viene presentata entro il mese di giugno, saranno erogate anche le mensilità pregresse. Ovviamente è meglio presentarla quanto prima per non ritardare ulteriormente l’assegno.

PERCEPISCO IL REDDITO DI CITTADINANZA, COSA POSSO FARE?

In questo caso non sarà necessario presentare la domanda perché l’assegno unico verrà pagato d’ufficio dall’Inps.

COME PRESENTARE LA DOMANDA

Se non si è ancora in possesso dell’Isee, procedere innanzitutto a richiederlo. Come? LEGGI QUESTA GUIDA: COME RICHIEDERE L’ATTESTAZIONE ISEE.

Una volta in possesso dell’Isee non sarà necessario allegarlo alla domanda perché l’Inps ne verificherà autonomamente l’esistenza e la validità. PRESENTA ORA LA DOMANDA A INPS

CHI DEVE PRESENTARE LA DOMANDA PER L’ASSEGNO?

Sarà uno dei due genitori a presentarla indicando i dati dei figli (minorenni), dell’altro genitore, quelli relativi a dove e come ricevere il pagamento (di entrambi i genitori in caso di ripartizione a metà dell’importo).

Nel caso invece di figli maggiorenni saranno loro stessi a presentare domanda chiedendo la corresponsione diretta della quota di assegno a loro spettante.

TORNA AL MENU

OFFERTE DEL GIORNO AMAZON

TI POTREBBERO INTERESSARE
Print Friendly, PDF & Email

@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 10
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*