Carta d’identità elettronica CIE | Come richiedere il documento di riconoscimento elettronico

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 7 minuto/i


Carta d’identità elettronica CIE

Un documento elettronico che costituisce l’evoluzione del documento di identità in versione cartacea, è la carta identità elettronica CIE. Il progetto sarà attivato in tutti i Comuni d’Italia entro la fine del 2018. Le sue dimensioni sono uguali a quelle di una carta di credito ed è contrassegnata da un numero seriale (denominato numero unico nazionale) stampato sul fronte in alto a destra ed avente il seguente formato: C<lettera><numero><numero><numero><numero><numero><lettera><lettera> (ad esempio CA00000AA).

INDICE

Cosa è la CIE

La Carta di identità elettronica è principalmente un documento d’identificazione: consente di comprovare in modo certo l’identità del titolare, tanto sul territorio nazionale quanto all’estero, ad esclusione della verifica delle impronte per la lettura delle quali è necessario il rilascio dell’autorizzazione da parte del Ministero dell’Interno.

La carta identità elettronica CIE è nata nel 2000 come sperimentazione avviata dal Ministero dell’Interno coinvolgendo 156 Comuni di tutta Italia, in continuo aumento. Dalla metà del 2012 il servizio di erogazione della carta è operativa nei Comuni che l’hanno richiesta al Ministero dell’Interno.

A cosa serve

La CIE può essere utilizzata anche per richiedere una identità digitale sul sistema SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) per l’accesso ai servizi erogati dalle PP.AA.



Quali dati contiene la CIE
  • Comune emettitore
  • Nome, cognome, luogo di nascita, sesso, statura e cittadinanza del titolare
  • Immagine della firma del titolare
  • Validità per l’espatrio
  • Fotografia
  • Immagini di 2 impronte digitali (un dito della mano destra e un dito della mano sinistra)
  • Genitori (nel caso di carta di un minore)
  • Codice fiscale
  • Estremi dell’atto di nascita
  • Indirizzo di residenza
  • Comune di iscrizione AIRE (per i cittadini residenti all’estero)
  • Codice fiscale sotto forma di codice a barre.
Carta identità elettronica CIE: COME RICHIEDERLA

La Carta di identità elettronica può essere richiesta presso l’ufficio Anagrafe del proprio Comune di residenza o presso il Comune di dimora. Per velocizzare le operazioni di rilascio è possibile prenotare un appuntamento sul sito “Agenda CIE” previa Verifica della disponibilità del servizio presso il proprio Comune. Il documento può essere richiesto in qualsiasi momento e la sua durata varia secondo le fasce d’età di appartenenza.

TORNA ALL’INDICE

DOCUMENTI e COSA FARE

Atti e documenti da consegnare al Comune all’atto della richiesta di primo rilascio della carta:

  • fototessera, in formato cartaceo o elettronico, su un supporto USB;
  • codice fiscale o tessera sanitaria (al fine di velocizzare le attività di registrazione);
  • documento di identità in corso di validità oppure se il richiedente non ne è in possesso dovrà essere accompagnato da 2 testimoni;
  • acquisizione delle impronte digitali ad opera dell’operatore comunale;
  • consenso ovvero diniego alla donazione degli organi (opzionale);
  • firma del modulo di riepilogo stampato dall’impiegato comunale per la verifica finale sui dati.

Altri casi nei quali è necessario consegnare anche i seguenti documenti:

  • RINNOVO: carta di identità scaduta (o in scadenza);
  • Furto o smarrimento della carta: documento di riconoscimento, denuncia di furto o smarrimento resa presso le Forze dell’Ordine;
  • Distruzione della carta: documento di riconoscimento;
  • Deterioramento: carta d’identità e dichiarazione sostitutiva di atto notorio che attesti il deterioramento della carta d’identità;
  • Nel caso in cui il richiedente la CIE sia genitore di minori oppure se l’emissione riguarda il monore stesso, è necessaria una delle due procedure:
    • presentare anche dichiarazione di assenso all’espatrio sottoscritta dall’altro genitore o esercente la responsabilità genitoriale;
    • fornire l’autorizzazione del giudice tutelare.
QUANTO COSTA

Prima di avviare la pratica di rilascio della Carta di identità elettronica bisogna versare presso le casse del Comune, la somma di € 16,79 (che, comprese le spese di spedizione, arriva fino a 22 euro) oltre agli eventuali diritti fissi e di segreteria (brevi manu), quale corrispettivo per il rilascio della CIE. Molti comuni comprendono nel versamento questi ulteriori costi per i quali consigliamo di chiedere informazioni direttamente presso l’ufficio Anagrafe. Il costo del documento d’identità cartaceo costava ai cittadini solo 5,42 euro, non una piccola differenza quindi.

In ogni caso è necessario sempre conservare il numero della ricevuta iniziale di pagamento del versamento (16,79 eu) effettuato presso il C/C indicato dal Comune.

Carta identità elettronica CIE: VALIDITA’ e DURATA
  • 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni;
  • 5 anni per i minori di età compresa tra i 3  e i 18 anni;
  • 10 anni per i maggiorenni.

TORNA ALL’INDICE

TEMPI DI RILASCIO E CONSEGNA

Il cittadino riceverà la CIE all’indirizzo indicato entro 6 giorni lavorativi dalla richiesta al contrario di quella cartacea che avviene entro mezz’ora o al massimo entro le successive 24 ore. La Carta di identità elettronica viene personalizzata e stampata presso l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato che provvede altresì alla sua spedizione al cittadino. In fase di presentazione della richiesta al Comune, ogni cittadino (senza differenze di costi) può scegliere di riceverla presso:

  • indirizzo di residenza;
  • altro indirizzo di sua preferenza;
  • Comune (se il servizio di emissione risulta attivo).

E’ possibile seguire lo stato di spedizione della CIE sul sito “Agenda CIE“, previa registrazione, facendo click su “Accesso per il cittadino”, inserendo il codice fiscale e la password e facendo click su “Cerca carta”.

I CODICI PERSONALI

Il Comune, in collaborazione con il Centro Nazionale dei Servizi Demografici, CNSD, sezione del Ministero dell’Interno, emette la CIE consegnando al richiedente 3 codici personali segreti in busta chiusa:

  • PIN: numero identificativo personale segreto necessario per il riconoscimento dell’utente;
  • PUK: codice per sbloccare la carta nel caso del raggiungimento di 3 tentativi errati di digitazione del PIN;
  • CIP: per bloccare la carta in caso di smarrimento o furto.
QUANDO SI PUO’ RINNOVARE

Si può chiedere il rinnovo della carta identità elettronica CIE 6 mesi prima della data di scadenza.

Come funziona il RICONOSCIMENTO dell’identità

La verifica dell’identità viene effettuata tramite l’applicazione cosiddetta “ICAO MRTD”, già utilizzata sul passaporto elettronico emesso da tutti i paesi europei. L’applicazione contiene i dati anagrafici del titolare (nome, cognome, luogo e data di nascita, luogo di residenza), la sua foto e le impronte digitali. Questi dati non possono essere letti da chiunque all’insaputa del titolare della carta né possono essere intercettati da ignoti durante il processo di lettura.

  • La lettura dei dati anagrafici e della fotografia, in accordo con gli standard internazionali, è consentita solo a chi può leggere fisicamente quanto stampato sul documento. Questo avviene mediante una chiave d’accesso stampata sulla Carta (nel CAN – Card Access Number o nell’ MRZ – Machine Readable Zone).
  • L’accesso alle impronte digitali è permesso solo a chi può leggere i dati stampati ed è in possesso di specifiche autorizzazioni (Forze di Polizia).
LEGGI ANCHE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU