Emilia Romagna 8mln alle imprese | Ecco come presentare le DOMANDE

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i


Emilia Romagna 8mln alle imprese

Con i fondi Por Fesr la Regione Emilia Romagna 8mln alle imprese per progetti di innovazione e diversificazione di prodotti o servizi. Domande dal 1° settembre al 14 ottobre 2016.

Il sostegno per le PMI

È stato pubblicato il bando Progetti di innovazione e diversificazione di prodotto o servizio per le PMI.

SCARICA la Delibera di Giunta regionale n. 1305/2016 (pdf, 2.2 MB)

Una dotazione di 8 milioni di euro proveniente dai fondi Por Fesr 2014-2020 (asse 1) con la quale sostenere l’attività di innovazione delle piccole e medie imprese che necessitano di supporto esterno e che hanno difficoltà a gestire internamente progetti di ricerca e sviluppo.

A chi è rivolto (Emilia Romagna 8mln alle imprese)

L’intervento aiuta le imprese che necessitano di acquisire all’esterno i servizi innovativi necessari e le competenze per completare, anche dal punto di vista manageriale, i percorsi per la loro introduzione sul mercato.

Il bando si rivolge alle piccole e medie imprese (in particolare a società di capitale, società di persone escluse le società semplici, società cooperative di produzione e lavoro, come risulta dallo statuto e nell’atto costitutivo della cooperativa, società consortili nella forma di società di capitale) impegnate in percorsi di innovazione tecnologica e diversificazione dei propri prodotti e/o servizi, in particolare con l’obiettivo di accrescere la quota di mercato o di penetrare in nuovi mercati.

Cosa prevede l’intervento

Le aziende possono acquisire:

  • consulenze tecnologiche;
  • servizi di test;
  • misure, calcolo e certificazioni di prodotto;
  • design di prodotto;
  • progettazione impianti pilota;
  • prototipazione e stampa 3D;
  • consulenze per la gestione organizzativa e strategica dell’innovazione, nella forma del management temporaneo per l’innovazione (per non oltre il 30% del totale).

La percentuale di spesa coperta dalla Regione

La Regione può contribuire alle sopracitate spese nella misura minima del 35% e fino a una percentuale massima del 45% delle spese ammissibili, ma potrà arrivare al 50%, nel caso di nuove assunzioni a tempo indeterminato.

I fornitori potranno essere laboratori di ricerca, centri per l’innovazione, start up innovative, fablabs, società di consulenza e professionisti. I progetti avranno durata di un anno.

Come e dove presentare le domande

Le domande dovranno essere compilate per via telematica attraverso il portale Sfinge2020, le cui modalità di accesso sono pubblicate sul sito web del Por Fesr 2014-2020.

L’invio deve avvenire tra le ore 10 di giovedì 1° settembre e le ore 13 di venerdì 14 ottobre 2016.

Per informazioni

Per qualsiasi chiarimento si può chiamare lo Sportello imprese dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 13.00, al numero 848 800 258 (chiamata a costo tariffa urbana, secondo il proprio piano tariffario).

In alternativa si può scrivere a: infoporfesr@regione.emilia-romagna.it.

Attivo anche un servizio di Help desk per Sfinge2020

Per chiedere assistenza si può:

  • aprire una segnalazione tramite la voce Segnalazioni dall’applicativo Sfinge2020
  • telefonare al numero 06.99330300, dopo aver aperto una segnalazione dal lunedì al venerdì (ore 9:00 – 13.00 e 14:00 – 18:00).

Non si fornisce supporto tecnico via email.

LEGGI altri articoli dall’EMILIA ROMAGNA



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU