Emiliano al Consiglio degli Ingegneri | ILVA davvero strategica?

loading...

Emiliano al Consiglio degli Ingegneri | ILVA davvero strategica?

Emiliano al Consiglio degli Ingegneri ha parlato a Roma del caso ILVA di Taranto. Una collaborazione (Regione Puglia e Consiglio Ingegneri) che serva a decidere se davvero la siderurgia italiana e l’ILVA di Taranto sono davvero strategici per il Paese.

La siderurgia e l’Ilva temi di grande importanza

Ripensare l’industria siderurgica in Italia a partire dal caso Ilva: è l’obiettivo del percorso istituzionale intrapreso dalla Regione Puglia con il Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI).

Oggi 19 maggio 2016 nella sede di Roma del CNI non c’era solo il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano al Consiglio degli Ingegneri, ma c’erano anche il presidente del CNI Armando Zambrano, Antonio Curri presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Taranto, Barbara Valenzano, direttore Dipartimento mobilità, qualità urbana, opere pubbliche, ecologia e paesaggio della Regione Puglia e Angelo Masi, consigliere nel CNI di Taranto.

Le dichiarazioni di Michele Emiliano

Emiliano al Consiglio degli Ingegneri ha dichiarato: “Questa collaborazione tra la Regione Puglia e il Consiglio nazionale degli Ingegneri con riferimento alla siderurgia italiana e all’Ilva è di grandissima importanza. A noi servono voci indipendenti, imparziali, che al di là degli interessi in campo forniscano alla comunità, e in particolare alla Puglia e all’area metropolitana di Taranto, elementi utili a decidere sul nostro futuro. Questo rapporto è tecnico, non di natura politica, e serve a decidere se davvero la siderurgia italiana è strategica per il futuro industriale del nostro Paese. La vicenda ILVA è senza precedenti: c’è in corso un processo davanti alla Corte d’Assise di Taranto per avvelenamento di sostanze alimentari; l’impianto è sotto sequestro anche se i decreti consentono alla fabbrica di funzionare lo stesso (dando vita a una contraddizione in termini); c’è l’ipotesi che questi decreti che consentono alla fabbrica di funzionare siano in violazione della carta europea dei diritti dell’uomo, al punto che pochi giorni fa la Corte di Strasburgo ha aperto un procedimento contro l’Italia; c’è il rischio di procedure di infrazione ambientale e per aiuti di Stato da parte dell’Europa; infine la Corte costituzionale non ha dato avallo definitivo a quei decreti, giudicati costituzionali solo nella misura in cui, nei tempi previsti dai decreti medesimi, si fosse realizzata la cosiddetta ambientalizzazione, e non credo che questo percorso si sia ancora completato.

Questi elementi sono decisivi per il futuro della Puglia e dell’Italia; il fatto che la regione abbia trovato questa collaborazione con gli ingegneri italiani è per me di grandissimo conforto. A settembre, senza interferire nelle procedure di gara per l’assegnazione dell’Ilva al privato che continuerà a gestirla, il CNI e la Regione organizzeranno un grande convegno internazionale nel quale chiameremo ingegneri italiani ed esperti da tutto il mondo per verificare il percorso migliore da adottare, per avere finalmente una voce terza e obiettiva, che freni lo scontro delle opinioni politiche, che credo ai tarantini arrivi come un rumore insopportabile.

Il percorso (totalmente gratuito) intrapreso rappresenta un grande dono che gli ingegneri italiani fanno all’Italia, alla Puglia, all’area industriale di Taranto. Uno sforzo che non ha già dentro la soluzione del problema ma vuole consentire a ciascuno di noi di avere dati ed elementi tecnici per poi prendere la migliore delle decisioni. La Regione Puglia deve rispettare le leggi anche quando non le condivide. Siamo di fronte a uno snodo fondamentale“.

Le parole del Presidente CNI Armando Zambrano

Organizzeremo un convegno a settembre dove il Consiglio nazionale e la Regione Puglia, insieme a tutti gli altri soggetti istituzionali che inviteremo, Governo e in particolare Ministero per lo sviluppo economico e rappresentanti in Parlamento, faranno il punto sulla situazione dell’Ilva e sulle sue possibilità di riconversione. Il Consiglio nazionale ha già elaborato un documento di analisi, nel 2014, inviato a tutte le istituzioni. La Regione Puglia ha ritenuto di avviare con noi questo percorso tenendo presente che noi siamo un soggetto terzo, intendiamo verificare le proposte al fine di tutelare adeguatamente i cittadini pugliesi, in particolare tarantini, e la sicurezza e la salute di tutti. Questo è il nostro obiettivo e andremo avanti con chi ci vuole stare, poi a settembre in occasione del convegno, tireremo le conclusioni“.

LEGGI altri articoli sul tema ILVA

@ Riproduzione riservata


Mauro Guitto

Mauro Guitto

Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
wpDiscuz
Torna SU