Lavoro ai più disagiati di Casamassima | Ecco il servizio civico, un miraggio nel deserto

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Lavoro ai più disagiati di Casamassima

Arriva dal sud Italia un presunto segnale di sostegno per chi si trova in grave disagio economico e sociale dovuto alla mancanza di lavoro. “STOP AI CONTRIBUTI A PIOGGIA” e lavoro ai più disagiati di Casamassima con il servizio civico annunciato nel 2015 in campagna elettorale.

Il Servizio Civico

Con la nascita di questo servizio, l’amministrazione del comune della provincia di Bari che conta circa 20 mila abitanti, si è posta l’obiettivo di ridare dignità e professionalità ai cittadini di Casamassima più svantaggiati adottando politiche di welfare di inclusione lavorativa dicendo basta ai “contributi a pioggia” considerati fini a sé stessi.

Partirà nelle prossime settimane il progetto sperimentale del servizio civico, realizzato su iniziativa dell’assessore Antonietta Spinelli e dell’Ufficio Servizi Sociali, con la collaborazione della 3a e 4a commissione consiliare.

Con una dotazione finanziaria per il 2016 pari a 60 mila euro, è stato istituito un servizio che impegnerà 100 persone, reclutate dai Servizi Sociali, nell’esecuzione di diversi lavori di pubblica utilità nel territorio casamassimese. A disposizione dei lavoratori ci saranno le nuove strumentazioni all’uopo acquistate e i tutor che istruiranno i lavoratori supervisionando costantemente l’andamento dei lavori.

Le attività dei lavoratori

  • Cura del verde pubblico e delle aree verdi scolastiche;
  • servizi di accompagnamento;
  • vigilanza all’uscita delle scuole;
  • lavori di manutenzione ordinaria negli immobili comunali.


Lavoro ai più disagiati di Casamassima: la retribuzione

I 100 lavoratori percepiranno una retribuzione di 150€ al mese per 4 mesi e le loro attività lavorative saranno ripartite in due turnazioni:

  1. 34 persone che hanno presentato la richiesta di adesione tra il 1 gennaio e il 14 aprile 2016;
  2. 66 persone che presenteranno la richiesta quando sarà pubblicato l’avviso pubblico.

Per le modalità di adesione al SERVIZIO CIVICO e i requisiti di partecipazione, si consiglia di leggere il bando che sarà presto pubblicato sul sito del Comune (consultabile cliccando sul link evidenziato in rosso).

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU