Tè MATCHA giapponese | Come preparare questo benefico infuso verde

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i


Tè MATCHA giapponese

Una qualità di tè molto speciale e dalle impareggiabili virtù benefiche: il tè matcha giapponese. Conosciamolo meglio le sue origini e vediamo come prepararlo…

*** Aggiornato giovedì 19 aprile 2018 ***

Origini e proprietà benefiche

Di un vivace color verde, il tè matcha giapponese trae origine dalla pregiata varietà di tè giapponese “Gyokuro” da cui si ricava appunto la polvere di tè matcha. Tradizionalmente disciolta in acqua e non filtrata (come invece avviene per le foglioline) questa bevanda preserva intatte le sue preziose sostanze benefiche che, altrimenti, andrebbero perse nel filtraggio.

Ma quali sono questi elementi così preziosi per il nostro organismo contenuti nel tè matcha?

  • E’ ricco di antiossidanti utili nella prevenzione dell’invecchiamento cellulare, in una percentuale di gran lunga superiore rispetto ai tè tradizionali;
  • è un potente disintossicante ed eccellente alleato nella prevenzione di malattie come diabete, cancro o problemi a carico dell’apparato cardiocircolatorio;
  • è particolarmente ricco di vitamine (in particolare la vitamina C e le vitamine del gruppo B e K);
  • in esso si trovano anche importanti minerali quali ferro, calcio, potassio, zinco, rame, magnesio e fosforo;
  • Ha inoltre il potere di riequilibrare il livello di glicemia e colesterolo nel sangue, favorisce la concentrazione e abbassa il tasso di stress.

Come si prepara un tè matcha giapponese a regola d’arte

E’ fondamentale accertarsi, prima di acquistarlo, che il tè matcha abbia una provenienza bio e che sia totalmente privo di pesticidi: questo perché il tè viene ingerito nella sua interezza.

Per preparare un ottimo e salutare tè matcha è sufficiente prendere 2-3 di cucchiaini di polvere (attenzione però, il cucchiaino non deve assolutamente essere di metallo!) e discioglierli in due litri di acqua, calda o fredda o a temperatura ambiente (a seconda della stagione). Mescolare il tutto per ottenere una bevanda dall’originale color verde scuro.



Il latte matcha (in versione VEGAN)
te matcha giapponese
Latte matcha Veg

Molto gustoso è anche il latte matcha, una bevanda molto di moda in questo periodo che contiene tutte le sostanze benefiche del tè matcha, vediamo come si prepara nella sua versione vegan.

Scaldare in un pentolino del latte vegetale a scelta (di soia, riso o avena) senza farlo bollire. Versarlo in una tazza quindi prendere un colino e, tenendolo sospeso sopra la tazza, versarci la polvere di tè matcha e spolverarla sopra al latte. Mescolare bene il tutto onde evitare la formazione di grumi. Dolcificare con zucchero grezzo o miele. Frullare infine il composto ottenuto a una velocità media per qualche minuto e, se lo si desidera più schiumoso, scaldarlo ancora un po’.

TI POTREBBERO INTERESSARE
@ Riproduzione riservata



Rosita

Rosita

Food Blogger, articolista di food, wellness e salute

Commenta l'articolo

Commenta per primo

  Subscribe  
Notifica

La Gazzetta Digitale

Torna SU