Violentissima GRANDINATA ad AREZZO | Alcuni feriti e molti danni

loading...

Violentissima GRANDINATA ad AREZZO

Una violentissima grandinata ad Arezzo si è scagliata con tutta la sua forza accompagnata da un vento che spirava a velocità elevata. Veri e propri cubetti di ghiaccio di dimensioni notevoli hanno colpito auto e persone. Più di 50 le chiamate di aiuto ricevute dai Vigili del Fuoco.

Due feriti

Al momento si sa che la grandinata ha provocato due feriti:

  • trauma cranico per un operatore della Telecontrol di via Fiorentina che è stato colpito dalla caduta dei calcinacci dovuta al crollo parziale del tetto. L’uomo è stato condotto in codice rosso all’ospedale San Donato di Arezzo;
  • frattura a un femore per una donna è caduta in seguito all’improvvisa apertura di una finestra.

Problemi alla circolazione

Tra Porta Trento e Trieste nelle vicinanze di Parco Giotto si registra la caduta di tanti alberi e a San Leo la caduta di semafori e altri oggetti.

Stessi danni per le vie del centro di Arezzo dove sono caduti semafori e sono volati via i pali della segnaletica stradale e dei lavori in corso in alcuni tratti causando danni alle auto parcheggiate e a quelle in movimento creando anche notevole pericolo alla circolazione.

La zona Villaggio Oriente è rimasta senza luce per diversi minuti e il sottopasso di via Vittorio Veneto risulta allagato rendendo difficile il transito delle auto.

La strada dei Setteponti e quella delle Strosce sono state chiuse in alcuni tratti. Sullo stradone di Ca’ De Cio, a causa del serio pericolo di crollo di una impalcatura di una casa, sono stati gli stessi cittadini a bloccare il traffico per evitare rischi all’incolumità delle persone.

Il solaio del palazzetto delle Caselle è parzialmente caduto così come una parte del tetto della copertura dei binari alla stazione è stata letteralmente strappata via dalla forza del vento.

LEGGI altre notizie dalla TOSCANA

@ Riproduzione riservata


Mauro Guitto

Mauro Guitto

Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
wpDiscuz
Torna SU