Grammy Awards 2017, 59esima edizione | Trionfa ADELE, Italia resta all’asciutto

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i


59esima edizione del Grammy Awards 2017

Per l’Italia nessun premio nella notte di Los Angeles dove invece ha trionfato Adele. Nella 59esima edizione del Grammy Awards 2017 è proprio la cantautrice britannica la più felice.

Adele fa il pieno

Allo Staples Center di Los Angeles, in California, serata di grandi emozioni nella 59esima edizione del Grammy Awards 2017 condotta per la prima volta da James Corden.

Per la 28enne Adele (5 maggio 1988) sono stati ben 5 i premi ricevuti, tra questi il premio per il miglior album (con “25”), miglior disco e per la miglior canzone (“Hello”). Adele ha poi commosso ed emozionato con il suo tributo a George Michael che ha fatto alzare in piedi tutta la sala in un lunghissimo applauso. Poi l’omaggio di Adele anche a Beyonce il cui album è stato definito dalla stessa Adele “monumentale”.

“Hello” le ha permesso di vincere il premio per la migliore registrazione dell’anno, la migliore canzone dell’anno e la migliore interpretazione pop solista. Un record perché Adele è la prima artista a riuscire bissare la vittoria nelle tre categorie principali.

I premi assegnati ad Adele

  • Best Record of the Year;
  • Best Song of the Year;
  • Best Pop Solo Performance per il brano “Hello”;
  • Best Album of the Year;
  • Best Pop Vocal Album per “25”.


Nel segno di Beyoncè

Beyoncè, cantando in maniera superlativa, ha cantato “Love drought” e “Sandcastle”. Per lei due grammofonini d’oro: Best Music Video per “Formation” e Best Urban Contemporary Album per “Lemonade”. Può sorridere anche Chance The Rapper che ha vinto il premio di miglior nuovo artista e miglior album rap con “Coloring Book”.

E per gli italiani..

Nessun premio per Laura Pausini, Andrea Bocelli ed Ennio Morricone. Su Laura Pausini ha avuto la meglio il duo Jesse & Joy che si è aggiudicato il premio di miglior album Pop Latino. L’artista di Faenza era candidata con “Similares” nella categoria Best Latin Album.

Andrea Bocelli era stato nominato con “Cinema” nella categoria Traditional pop vocal album, ma ha avuto la meglio Willie Nelson.

Ennio Morricone aveva ricevuto due candidature per la Migliore Colonna Sonora con “The Hateful Eight” di Quentin Tarantino e per la Migliore Composizione Classica con “L’Ultima Diligenza” di Red Rock, sempre dal film The Hateful Eight. Anche per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia non è andata bene. La sua candidatura per “Verismo” nella categoria Best Classical Solo Vocal Album non ha permesso di ricevere premi.

Photo Credits: The Telegraph

Una lista di prodotti musicali


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU