Addio Lina Wertmuller | La regista si è spenta a 93 anni stanotte a Roma

CONDIVIDI

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i

Articolo aggiornato giovedì, 9 Dicembre 2021 13:30

ADDIO A LINA WERTMULLER

Un’altra grave perdita nel mondo deli cinema italiano, addio Lina Wertmuller dopo aver fatto la storia della commedia italiana.

UNA VITA DI SUCCESSI

Regista, sceneggiatrice e scrittrice, Lina Wertmuller è stata la prima donna nella storia ad essere candidata all’Oscar come migliore regista, per il film “Pasqualino Settebellezze”, nella cerimonia del 1977. In quel film come ci si può dimenticare della grande interpretazione di Giancarlo Giannini.

Nel 2020 la Wertmuller ricevette comunque il Premio Oscar onorario «per il suo provocatorio scardinare con coraggio le regole politiche e sociali attraverso la sua arma preferita: la cinepresa».

LEI: LA COMMEDIA ITALIANA

La storia della commedia italiana la firmò lei con film come “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare di agosto”, “Pasqualino settebellezze” e “Mimì metallurgico”. Quasi tutti film interpretati da Giancarlo Giannini ma anche da una grande Mariangela Melato. Tanti i suoi lavori sia da regista che da sceneggiatrice che di seguito elenchiamo.

LA CARRIERA DA REGISTA
  • I basilischi (1963)
  • Questa volta parliamo di uomini (1965)
  • Rita la zanzara (1966)
  • Non stuzzicate la zanzara (1967)
  • Il mio corpo per un poker, co-regia di Piero Cristofani (1968)
  • Mimì metallurgico ferito nell’onore (1972)
  • Film d’amore e d’anarchia – Ovvero “Stamattina alle 10 in via dei Fiori nella nota casa di tolleranza…” (1973)
  • Tutto a posto e niente in ordine (1974)
  • Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto (1974)
  • Pasqualino Settebellezze (1975)
  • La fine del mondo nel nostro solito letto in una notte piena di pioggia (1978)
  • Fatto di sangue fra due uomini per causa di una vedova. Si sospettano moventi politici (1978)
  • Scherzo del destino in agguato dietro l’angolo come un brigante da strada (1983)
  • Sotto.. sotto.. strapazzato da anomala passione (1984)
  • Un complicato intrigo di donne, vicoli e delitti (1985)
  • Notte d’estate con profilo greco, occhi a mandorla e odore di basilico (1986)
  • In una notte di chiaro di luna (1989)
  • Sabato, domenica e lunedì (1990)
  • Io speriamo che me la cavo (1992)
  • Ninfa plebea (1996)
  • Metalmeccanico e parrucchiera in un turbine di sesso e politica (1996)
  • Ferdinando e Carolina (1999)
  • Peperoni ripieni e pesci in faccia (2004).
I SUOI LAVORI DA SCENEGGIATRICE
  • Città violenta, regia di Sergio Sollima (1970)
  • Quando le donne avevano la coda, regia di Pasquale Festa Campanile (1970)
  • Quando le donne persero la coda, regia di Pasquale Festa Campanile (1972)
  • Fratello sole, sorella luna, regia di Franco Zeffirelli (1972)
  • Nessuno deve sapere, regia di Mario Landi (1972) – miniserie TV
  • Cari genitori, regia di Enrico Maria Salerno (1973)
  • Which Way Is Up?, regia di Michael Schultz (1977).
DUE ANNI FA FU OSPITE A “CHE TEMPO CHE FA”

OFFERTE DEL GIORNO AMAZON

TI POTREBBERO INTERESSARE
Print Friendly, PDF & Email

@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 165
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*