Bonus strumenti musicali (Bonus Stradivari) | Non c’è molto tempo, ecco come richiederlo

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Bonus strumenti musicali 2017-2018

Si tratta di un’agevolazione confermata dalla Legge di Bilancio 2017 (non confermata tuttavia per il futuro) per gli studenti che acquistano un nuovo strumento musicale (online o nel negozio). In questo articolo tutte le informazioni utili per richiedere il bonus strumenti musicali 2017-2018 che può essere richiesto fino al 31 dicembre 2017.

L’entità del contributo

Per gli acquisti effettuati nel 2017, l’entità del contributo è pari al 65% sul prezzo finale che non può superare la somma di 2.500 euro. Agli studenti che hanno già beneficiato del bonus per l’acquisto di uno strumento nel 2016, lo sconto spetta al netto del contributo già fruito per l’anno precedente.

Non possono chiedere l’agevolazione gli studenti di canto, composizione o di direzione e non si può chiedere l’agevolazione per gli impianti di amplificazione e i software di musica elettronica.

Chi ha diritto

Il bonus è riservato agli studenti iscritti a:

  • licei musicali;
  • corsi:
    • preaccademici;
    • del precedente ordinamento;
    • di diploma di I e di II livello dei conservatori di musica, degli istituti superiori di studi musicali e delle istituzioni di formazione musicale e coreutica autorizzate a rilasciare titoli di alta formazione artistica, musicale e coreutica.


Requisiti

Per accedere al bonus è necessario essere in regola con il pagamento delle tasse e dei contributi dovuti per l’iscrizione all’anno 2017-2018.

La procedura per richiedere il bonus strumenti musicali 2017-2018

Per poter accedere all’agevolazione va richiesto alla scuola un certificato d’iscrizione da consegnare al rivenditore. Sul certificato devono essere riportati i seguenti dati:

  • cognome, nome e codice fiscale dello studente;
  • corso e anno di iscrizione;
  • strumento musicale coerente con il corso di studi).
Rivenditori

I produttori (o i rivenditori) di strumenti musicali devono comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati (propri e dello strumento da vendere scontato). In tal modo verrà loro riconosciuto un credito d’imposta pari al contributo riconosciuto agli studenti sotto forma di sconto.

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU