Buon compleanno microonde | 60 anni fa il primo modello di forno

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Buon compleanno microonde | 60 anni fa il primo modello di forno

Buon compleanno microonde. Eh si perché 60 anni fa il forno a microonde a uso domestico veniva lanciato per la prima volta sul mercato il 25 ottobre 1955 nell’Ohio a Mansfield al prezzo (decisamente alto) di 1.295 dollari (oltre 8 mila euro di oggi). Era costruito in acciaio inox e un ripiano in vetro. Funzionava a 500 watt e a 800 watt ed era alimentato a 220 volt. Ci vollero alcuni anni prima che il forno a microonde entrasse in molte case perché pochi potevano permettersi di sostenerne la spesa che era inizialmente molto alta.

Le origini del forno a microonde

La storia racconta che questo strumento da cucina oggi molto utilizzato nacque per caso negli States. Fu Percy Spencer, un dipendente della Raytheon che realizzava magnetron per apparati radar e che vantava fino ad allora più di 100 brevetti. Mentre lavorava su un radar acceso, si accorse che una tavoletta di cioccolato che conservava in tasca si sciolse. Capì subito cosa fosse successo e iniziò a sperimentare l’apparecchio prima con i pop corn poi con un uovo. Fu così che nel 1946 la Raytheon brevettò il processo di cottura a microonde e l’anno dopo realizzò il Radarange e lo mise in commercio riscuotendo un notevole successo. Negli anni ’60 l’apparecchio, dopo aver subito importanti modifiche per permetterne l’uso domestico, il forno a microonde si diffuse in tutto il mondo grazie alla repentina discesa del prezzo sul mercato. E negli anni ’80 cominciarono ad affacciarsi anche in Italia dove negli anni 2000 si diffusero nel mercato italiano perché se ne scoprì l’utilità non solo per scongelare e scaldare ma anche per cuocere i cibi. Oggi, grazie ai notevoli progressi della tecnologia, i modelli di forno a microonde si sono moltiplicati e i prezzi sono ulteriormente scesi: si trovano modelli “base” che godono di un buon mercato sebbene i detrattori di questo elettrodomestico ancora non manchino perché alcuni studiosi e associazioni lo considerano un apparecchio pericoloso per la salute e per la sicurezza per il suo funzionamento e il modo di cuocere i cibi.

 

Torna alla Homepage de La Gazzetta Digitale

FOOD

SEGUICI SU TWITTER

@ Riproduzione riservata


Mauro Guitto

Mauro Guitto

Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
wpDiscuz
Torna SU