“Cannela rossa”, poesia di Natale in vernacolo napoletano

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 1 minuto/i


Cannela rossa, una mia poesia allegorica sul Natale

Appiccia e stuta ‘a serie ‘e lampadine,
‘ncopp’ a n’abbete artificiale e gruosso;
se tuculéa fra doje butteglie ‘e vino,
‘a lampetella ‘e ‘na cannela rossa.

Nu triemmolo ‘mpruvviso,nu bagliore,
me fa penzà a n’attacco ‘e fantasìa;
attuorno a me se spanne nu chiarore,
nun saccio si è nu suonno o ‘na maggìa.

Veco ‘e trasì ‘ntrasatto dint’’a stanza,
nu piezzo d’omme allèro e ppaffutiello;
me fa nu zennariello* e ccu’ crianza,
me piglia e m’arravoglia ‘int’’o mantiello.

“Io stongo ccà pecché tu m’he’ chiammato…”
Me dice: “…So’’a cuscienza e me ne vanto.
Te porto addò se sente ancora ‘o sciato,
tutt’’o calore ‘e nu Natale Santo”.

Me veco sott’’o vraccio ‘e nu pezzente,
ca s’arrecréa sentenne ‘na nuvèna;
doje stelle so’ chill’uocchie suoje lucènte,
pecché sultanto ‘o cielo ‘mpietto tène.

Manca quacche minuto a mezzanotte
e ‘a ggente dint’’e ccase magna e bbeve;
me veco annanze a ‘na vecchia rullotte,
ch’affonna dint’ a miezu metro ‘e neve.

Pigliat’’e friddo, aret’’o fenestiello,
se scarfano tenennese p’’a mana;
so’ dduje criature, so’ dduje zingarielle,
stanno aspettanno’o suono d’’e ccampane.

Nu suono ca se stenne luongo e ddoce,
pe ccopp’ a ‘na muntagna o ‘na vallata,
e sulamente chi ha purtato ‘a croce,
pò ssentere int’ a ll’anema ch’è nnato.

Stanotte, dint’’a lampa ‘e ‘sta cannela,
voglio sperà pe’ cchello ch’aggiu visto,
ch’è nnato overamente ‘o rre d’’o cielo,
ch’è nnato overamente Gesù Cristo!

LEGGI altri articoli di CULTURA



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Antonio Ruggiero

Antonio Ruggiero

Scrittore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU