“Chiuove e Chiuvetielle”, una poesia sull’uguaglianza

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 1 minuto/i

Chiuove e Chiuvetielle

Sull’uguaglianza si è detto e scritto tanto, il grande Totò fece parlare i morti, nella mia poesia “Chiuove e Chiuvetielle” parlano i chiodi. Potete leggerla e ascoltarla.

La poesia

Cu cchistu fatto, io nun ve dico niente;
è nu discorzo viecchio, chest’’o ssaccio,
ma so’ pparole ca nun vann’ a’’o viento,
pecché lasciano sempe quacche traccia.

‘Ncopp’ a ‘stu fatto n’hanno ditto tante,
con gran bravura e cchin’’e fantasìa,
pirciò scusate si songo scucciante,
si me permetto ‘e v’’o cuntà pur’io.

‘Mpruvvisamente dint’’a cascettella
addò nce tengo ‘e fierre sestimate,
nu chiuov’’e diece cu ‘na semmenzella,
‘e bbotto tutt’’e dduje se so’ scuntrate.

“Si piccerella e ppure t’ammesuri
cu mme ca affront’ a tte songo nu Rre;
so’ bbello gruosso e pirciò so’ssicuro
ca nun può maje cumpetere cu mme”.

“ Io cchiù te guardo e cchiù me rendo conto
ca tu si’ niente, tu nun si’ nisciuno.
Io songo forte e ‘o pporto scritto ‘nfronte…
‘Mmiezz’ a ‘sti fierre, io so’ quaccheduno”.

“ E’ overo ca io songo piccerella,
ca tu si’ gruosso e ttiene ‘sta capocchia…”
Lle dice dispettosa ‘a semmenzella…
…”Ma chello ca tu dice che m’accocchia?”

“ Io songo piccerella e dispettosa;
va bbene sì, songo nu chiuvetiello.
Ma tu te si’ scurdato ‘e dì ‘na cosa…
Ca pe’ tte pure nce sta nu martiello”.

LEGGI anche

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Antonio Ruggiero

Antonio Ruggiero

Scrittore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU