Come richiedere l’esenzione del canone Rai | Il modello per evitare di pagarlo

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i


Come richiedere esenzione canone Rai

Per evitare di pagare il canone, c’è tempo fino al 31 gennaio 2017, termine entro il quale si deve presentare la dichiarazione di eventuale non detenzione di apparecchio televisivo. Come richiedere esenzione canone Rai.

+++ C’è una novità per gli Over 75 indicata nell’articolo di lunedì 19 gennaio 2018, leggila: Esenzione Canone Rai Over 75 +++

Chi può farlo

La richiesta di non detenzione di apparecchio televisivo va ogni anno consegnata o inoltrata all’Agenzia delle Entrate tramite apposito modello. Può farlo chi è intestatario di una o più utenze elettriche di tipo residenziale e non possiede (né lui né gli altri componenti del nucleo familiare) apparecchi televisivi in tutte le abitazioni.

Come richiedere esenzione canone Rai: meglio farlo quanto prima

Attenzione perché se il termine massimo di presentazione della domanda è, come detto, il 31 gennaio 2017 (per l’anno 2017), sarà bene inviare il modulo non all’ultimo momento, cioè:

  • entro la fine di dicembre 2016 in caso di invio telematico;
  • entro il 20 dicembre nel caso in cui l’invio del modulo non avvenga in via telematica.

Questo per evitare di vedersi addebitare comunque l’importo del canone tv relativo al mese di gennaio che poi costringerebbe a inoltrare un’altra richiesta, stavolta per chiedere il rimborso del mese di gennaio che andrebbe (in quel caso) comunque pagato.



Ricordiamo le regole in vigore dal 2016

A partire dall’anno 2016, la legge di Stabilità 2016 (art. 1, commi da 152 a 159, legge n. 208/2015) obbliga ogni intestatario di una utenza elettrica domestica al pagamento (in dieci rate per tutto il 2016 e ridotte poi a dicembre 2016 a 9 rate da 10 euro ciascuna nella Manovra 2017 dall’anno 2017 in poi) del canone tv contestualmente a quello del consumo di energia elettrica.

Per “eludere” il pagamento del canone tv si deve produrre la documentazione necessaria (dichiarazione sostitutiva) che attesti di non disporre in casa di un apparecchio televisivo. E’ inutile sottolineare che la dichiarazione di non detenzione di apparecchiatura televisiva deve rispondere a verità, in caso contrario si va incontro a sanzioni pecuniarie e penali.

Come presentare la domanda

La dichiarazione sostitutiva ha validità annuale e va presentata ogni anno:

  • direttamente dal contribuente o dall’erede mediante una specifica applicazione web disponibile sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel rilasciate dalla stessa Agenzia delle Entrate;
  • avvalendosi di un intermediario abilitato (CAF o professionista) ai sensi dell’articolo 3, comma 3, del D.P.R. n. 322/1998.
  • nei casi in cui non sia possibile la trasmissione telematica, la dichiarazione sostitutiva può anche essere spedita a mezzo del servizio postale in plico raccomandato senza busta al seguente indirizzo: Agenzia delle entrate – Ufficio Torino 1 – Sportello abbonamenti TV – Casella postale 22 – 10121 Torino. ATTENZIONE: in quest’ultima ipotesi il modello deve essere presentato unitamente alla copia di un valido documento di riconoscimento.
La dichiarazione si considera presentata
  • dalla data di spedizione risultante dal timbro postale nel caso di invio a mezzo posta.
  • dalla data risultante dalla ricevuta rilasciata in via telematica dall’Agenzia delle Entrate nel caso di invio via web.
Materiale da scaricare


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU