20 Aprile 2024
Home » Lifestyle » Food » Iginio Massari difende il panettone | Quelle scritte sul Times ? Scemenze
Iginio Massari difende il panettone dalle critiche sul Times

Iginio Massari difende il panettone dalle critiche sul Times

CONDIVIDI

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i

IGINIO MASSARI DIFENDE IL PANETTONE

Dopo le critiche scritte sul Times da Tony Turnbull, food editor, Iginio Massari difende il panettone e risponde a Turnbull con un eloquente “Scemenze”.

LA POLEMICA

Arriva dagli States l’ultima provocazione sul panettone, uno dei dolci intoccabili del periodo natalizio per milioni di persone. Stavolta però non si discute delle versioni (panettone o pandoro).

La polemica è nata da un articolo scritto da Tony Turnbull in seguito alla diffusione della notizia che in Gran Bretagna e nei vari supermercati Waitrose, nell’ultimo periodo sono aumentate le vendite di panettone del 24%. Questo dimostrerebbe una certa preferenza del dolce italiano al tradizionale Christmas pudding.

LE PAROLE DI TURNBULL

Basta con il panettone, sospetto (e spero) che i dati di vendita non raccontino l’intera storia. Tanto per cominciare, molte persone preparano ancora il Christmas pudding, mentre nessuno prepara il proprio panettone a casa, quindi gli amanti del pudding vecchio stile non sono calcolati. Inoltre, sappiamo tutti che il fascino del panettone, con le sue belle confezioni, non sta nel mangiarlo ma nel regalarlo“ – attacca Turbull.

La dura critica al panettone italiano: “Troppo dolce, molto spesso pesante ed eccessivamente cotto, è buono solo quando, in prossimità della data di scadenza ad aprile, ci si fa un gigantesco pudding aggiungendoci il burro” – ha scritto Turnbull. Aperitivo assieme? Prendi un panettone. Regalo per un collega? Prendi un panettone. Un ringraziamento alla dog-sitter? Prendi un panettone. È come una grande partita di ‘pass-the-parcel’ in cui l’obiettivo è quello di non rimanere con il pacco in mano alla vigilia di Natale” – prosegue il food editor.

SCENDE IN CAMPO IL MAESTRO MASSARI

Quando si parla di panettone, viene spontaneo pensare al maestro per eccellenza della pasticceria italiana e mondiale: Iginio Massari. Il pasticcere non ha potuto esimersi dal rispondere alle critiche rivolte al panettone. La sua risposta è stata altrettanto dura: “Una persona abituata a mangiare sempre pane e salame difficilmente può capire leccornie più elaborate: è una questione di palato”.

Il Corriere della Sera riporta inoltre che Massari ha dichiarato che il “Christmas pudding è una ricetta antichissima e ricca di storia ma è pur sempre un prodotto che chiunque può facilmente preparare a casa. Il panettone no, è un’opera di pasticceria che richiede studio e esperienza”.

UNA SCEMENZA

Secondo Massari è giusto difendere le proprie tradizioni locali “La critica è sacrosanta. Ma ciò che ha scritto (il giornalista inglese, ndr) sul panettone è una scemenza e denota poca conoscenza di un dolce così complesso e elaborato”.

Si è pronunciata anche l’amministratrice delegata (sorella di Iginio) di “Iginio Massari Alta Pasticceria”, Debora Massari. “È assurdo denigrare un prodotto come il panettone come lo sarebbe criticare il pudding. Questi cibi rappresentano un atto d’amore: come il know how che nostro padre Iginio è stato in grado di trasmettere a me e mio fratello”.

I PANETTONI DI IGINIO MASSARI

I Panettoni di Iginio Massari Alta Pasticceria sono artigianali e vengono confezionati freschi, senza conservanti. Si legge sul sito dell’azienda: “Una delle creazioni più celebri dell’Alta Pasticceria firmata Massari. Il Re dei lievitati è caratterizzato da una complessa lavorazione che prevede quattro lievitazioni a tempo e temperatura controllati, le quali ne accrescono notevolmente la morbidezza, e due impasti, per un totale di 62 ore“.

All’interno – si legge – la perfetta alveolatura racchiude preziosi cubetti di arancia candita calabrese e uvetta Sei Corone, che accompagnano e arricchiscono i sentori aromatici del burro e della vaniglia. Una squisita glassa realizzata con mandorle e resa ancora più golosa da un tocco di cacao, ne ricopre la sommità, intrappolando mandorle grezze e granella di zucchero“.

CREDITS PHOTO: Sito (e prodotto) di Iginio Massari

TI POTREBBERO INTERESSARE
Print Friendly, PDF & Email

@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Spiacenti, non è possibile copiare il testo