Disavventura Andy Luotto | Incidente con il suo scooter

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Disavventura Andy Luotto | Incidente con il suo scooter

Disavventura Andy Luotto. Ne ha dato notizia lui stesso sul suo profilo Facebook ai suoi numerosissimi fan definendo l’accaduto “una piccola disavventura“. Per fortuna è finita bene per chef Luotto. Era in sella al suo scooter quando ha forse perso l’equilibrio del motoveicolo cadendo rovinosamente a terra. Risultato? Qualche danno per lo scooter e due ingessature: al braccio destro e alla caviglia sinistra. Lui, forte e spiritoso come sempre, ha rassicurato tutti dicendo «Nulla può tenermi lontano dalla mia cucina, la mia passione. Da gennaio mi ritroverete a Eataly Roma con tante novità». Gli facciamo i nostri auguri di pronta guarigione.

Andy Luotto

Andy Luotto è nato a New York 65 anni fa (30 luglio 1950) e si è laureato in cinematografia a Boston nel ’69. Poi l’approdo in Italia dove lo ha notato Renzo Arbore che lo ha portato in televisione partecipando a programmi di successo come “L’altra domenica” e “Quelli della notte“. Poi qualche esperienza come cantante e soprattutto tante esperienze come attore in molti film e miniserie tv (fino a oggi). A 30 anni ha frequentato l’Alberghiero di Castellana Grotte (Ba) e si è successivamente diplomato all’Istituto Alberghiero di Civita Castellana in provincia di Viterbo. Nel 2011 è arrivato anche il suo primo libro “Faccia da chef“. Successivamente lo si rivede in televisione grazie ad alcuni spot pubblicitari di marchi famosi e nel 2014 partecipa al programma “Giass” su Canale 5 con Luca (Bizzarri) e Paolo (Kessisoglu) e interpreta il ruolo del “Conte Armand” nella miniserie tv “La bella e la bestia”. Nella ristorazione Andy Luotto ha avuto delle esperienze come imprenditore che poi sono terminate e recentemente ha aperto il suo nuovo ristorante all’interno di Eataly Roma.

 

Torna alla Homepage de La Gazzetta Digitale

FOOD

SEGUICI SU TWITTER

@ Riproduzione riservata


Mauro Guitto

Mauro Guitto

Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
wpDiscuz
Torna SU