ETICHETTE | Reintrodotto obbligo di indicazione stabilimento di produzione-confezionamento

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Articolo aggiornato sabato, 16 Settembre 2017 15:10

Etichette con indicazione stabilimento obbligatoria

Il Mipaaf ha reso nota venerdì 15 settembre l’approvazione del decreto sulle etichette con indicazione stabilimento obbligatoria relativamente alla produzione e al confezionamento dei prodotti. Etichetta dunque più trasparente per il consumatore che sarà più libero di scegliere se acquistare prodotti realmente a chilometro zero o prodotti e/o confezionati altrove.

Reintroduzione dell’obbligo

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva il decreto legislativo che reintroduce l’obbligo di indicare lo stabilimento di produzione o confezionamento in etichetta. Il provvedimento prevede un periodo transitorio di 180 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale:

  • per lo smaltimento delle etichette già stampate
  • fino a esaurimento dei prodotti etichettati (ma già immessi in commercio) prima dell’entrata in vigore del decreto.

L’obbligo era già sancito dalla legge italiana, ma è stato abrogato in seguito al riordino della normativa europea in materia di etichettatura alimentare. L’Italia ha stabilito la sua reintroduzione al fine di garantire, oltre che una corretta e completa informazione al consumatore, una migliore e immediata rintracciabilità degli alimenti da parte degli organi di controllo e, di conseguenza, una più efficace tutela della salute.

Controlli e sanzioni

La legge di delega affida la competenza per il controllo del rispetto della norma e l’applicazione delle eventuali sanzioni all’Ispettorato repressione frodi (ICQRF).



Decreto sulle etichette con indicazione stabilimento obbligatoria: “Impegno mantenuto”

E’ il commento del Ministro Martina che ha detto: “Impegno mantenuto nei confronti dei consumatori e delle moltissime aziende che hanno chiesto di ripristinare l’obbligo di indicare lo stabilimento. In questi mesi sono state tante le imprese che hanno continuato a dare ai cittadini questa importante informazione.

Continuiamo il lavoro per rendere sempre più chiara e trasparente l’etichetta degli alimenti, perché crediamo sia una chiave fondamentale di competitività e sia utile per la migliore tutela dei consumatori. I recenti casi di allarme sanitario ci ricordano quanto sia cruciale proseguire questo percorso soprattutto a livello europeo. L’Italia si pone ancora una volta all’avanguardia“.

LEGGI ANCHE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul sociale, fisco, lavoro e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU