Legge elettorale Rosatellum | Come funziona il nuovo sistema misto (proporzionale e maggioritario)

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Funzionamento Legge elettorale Rosatellum Bis

Il Senato ha dato il via libera definitivo alla nuova legge elettorale il cui nome prende origine da Ettore Rosato, capogruppo del Pd alla Camera. Vediamo dunque il funzionamento Legge elettorale Rosatellum Bis, il nuovo sistema misto proporzionale e maggioritario.

+++ AGGIORNAMENTO di venerdì 3 novembre 2017: il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato e promulgato la nuova legge elettorale (Rosatellum) che entrerà in vigore dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

L’elezione dei candidati

Con il nuovo sistema misto proporzionale e maggioritario la Camera dei deputati sarà eletta a suffragio universale, con voto diretto ed eguale, libero e segreto, espresso in un unico turno elettorale.

  • 1/3 dei candidati sarà eletto in collegi uninominali;
  • 2/3 dei candidati con listini bloccati (da 2 a massimo 4 candidati), con sistema proporzionale.

COLLEGI di CAMERA e SENATO

Dei 630 seggi di cui è composta la Camera:

  • le circoscrizioni del territorio nazionale sono costituiti da 232 collegi uninominali ripartiti in ciascuna circoscrizione sulla base della popolazione (sistema maggioritario);
  • 386 seggi sono assegnati con il proporzionale (sistema proporzionale);
  • 12 seggi nelle circoscrizioni estere (sistema proporzionale).

Dei 315 seggi di cui è composto il Senato:

  • 102 collegi uninominali;
  • 207 i plurinominali;
  • 6 seggi gli eletti all’estero.


LA SCHEDA UNICA

Non più 2 schede (previste nel Mattarellum) ma UNA SCHEDA con il nome del candidato nel collegio accompagnato dai simboli dei partiti che lo sostengono. Non sarà possibile esprimere il voto disgiunto.

Funzionamento Legge elettorale Rosatellum Bis: LE ALTRE PRINCIPALI NOVITA’
  • Soglia di sbarramento sia alla Camera che al Senato nelle seguenti percentuali:
    • al 3% per le singole liste;
    • al 10% per le coalizioni a livello nazionale.
  • Coalizioni: ci si potrà coalizzare dichiarando l’apparentamento che vedrà portare alla coalizione i voti delle liste coalizzate che raggiungono la quota compresa tra 1-2,99 %.
  • Pluricandidature:
    • saranno consentite fino a 5 candidature nelle liste proporzionali;
    • un candidato del collegio uninominale può candidarsi nel proporzionale (rispettando il limite massimo di 5).
  • Candidature all’estero: i residenti in Italia possono candidarsi anche all’estero, non quelli residenti all’estero che nei 5 anni precedenti, hanno ricoperto ruoli politici nel Paese di residenza.
TI POTREBBERO INTERESSARE
@ Riproduzione riservata



Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Commenta l'articolo

Commenta per primo

  Subscribe  
Notifica

La Gazzetta Digitale

Torna SU