La riprendono durante lo stupro | E’ successo a RIMINI, le pseudo amiche..

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


La riprendono durante lo stupro

Una volta si diceva “chi trova un amico trova un tesoro“, sarà pure vero ma non è questo il caso. Stavolta le “pseudo amiche” la riprendono durante lo stupro e mandano il video su whatsapp.

(Se stai cercando notizie sullo stupro di Rimini di agosto 2017, clicca QUI: “La Polizia arresta anche il 4° uomo

E’ accaduto a Rimini

Il fatto, accaduto in una discoteca dell’Emilia Romagna, risale a qualche tempo fa.

Come raccontano i quotidiani locali, la ragazza vittima dello stupro ha solo 17 anni. Pare che quella sera la giovane avesse bevuto più del consentito (come troppo spesso accade in situazioni del genere) e un coetaneo, approfittando dell’evidente stato di ebbrezza della ragazza, l’abbia condotta nei bagni della discoteca per abusare di lei.

Le sue “pseudo amiche” hanno ripreso con gli smartphone la scena nei bagni che in pochi minuti è finita su Whatsapp passando da un “amico” all’altro. Inutile dire che la giovane è in pochissimo tempo diventata “famosa” per quel video scabroso.

La scoperta e la denuncia ai Carabinieri

Quel video è stato intercettato dalla mamma della ragazza che, sconvolta dall’accaduto, ha sporto denuncia ai Carabinieri che hanno cominciato a indagare.

Il giovane pare non sia stato ancora identificato e le “amiche” saranno interrogate (probabilmente alcune di loro sono già state ascoltate dagli inquirenti) per spiegare il perché del loro assurdo e lesivo comportamento.



La riprendono durante lo stupro: l’incoscienza di molti giovani

Fa davvero rabbrividire il fatto che alcuni giovani non si rendano conto che compiendo certe azioni possono rovinare (fino a distruggere) la vita di un/una loro coetanea. E, nel caso siano invece consapevoli, fa comunque paura pensare alla freddezza e alla deliberata cattiveria con la quale taluni giovani mettano in atto azioni del genere. Invece di cercare di salvare l’amica dalle grinfie di quel ragazzo, hanno pensato bene di riprendere la scena “hot” per poi farla vedere agli altri.

Tutto ciò è davvero aberrante ed è uno degli specchi di una società ormai malata a partire dagli adulti (che danno pochissimi esempi), finendo ai giovani ormai troppo spesso privi dei valori fondamentali per vivere in una società che dovrebbe basarsi su altri e più sani principi.

LEGGI ANCHE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU