Latte in polvere Lactalis contaminato | Il Ministero della Salute “rassicura” gli italiani

Tempo di lettura stimato: 1 minuto/i


Latte in polvere Lactalis

Il rumore provocato dalla notizia del ritiro per contaminazione da salmonella di 12 milioni di scatole di latte in polvere Lactalis ha fatto scattare la preoccupazione in Italia. Alla data del 15 gennaio 2018 le Autorità francesi non hanno comunicato l’esistenza di lotti spediti verso l’Italia.

Il Ministero chiede ulteriori informazioni

A titolo precauzionale, il Ministero della Salute è in contatto con la Commissione europea e con le Autorità francesi, per sollecitare ulteriori informazioni su Paesi e lotti interessati. Gi sviluppi della vicenda sono costantemente seguiti attraverso il sistema di allerta comunitario (RASFF) per adottare eventuali provvedimenti a tutela dei consumatori.

Le precauzioni

Allo stato attuale, fa sapere il Ministero, le Autorità francesi non hanno indicato l’Italia (nelle note RASFF) tra i Paesi destinatari dei lotti contaminati. Non risultano altrezì casi di infezione da salmonella correlati a tali prodotti. Per eseguire eventuali verifiche da parte delle autorità territoriali e per una completa informazione dei consumatori, il Ministero ha indicato i lotti del prodotto Milumel Bio oggetto di allerta latte.



Latte in polvere Lactalis: i lotti del prodotto Milumel Bio oggetto di allerta latte
  • 17C0012686 con termine massimo di conservazione (TMC) 27/04/2018;
  • 17C0012844 con TMC 24/05/2018;
  • 17C0012965 con TMC 12/09/2018;
  • 17C0013595 con TMC 06/01/2019;
  • 17C0013733 con TMC 03/02/2019.
TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU