Le conseguenze della Brexit | Danni a EXPORT del NORD ITALIA

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Le conseguenze della Brexit

Confartigianato nell’assemblea 2016 ha sottolineato le conseguenze della Brexit sulle esportazioni dal territorio italiano. L’uscita dall’Europa della Gran Bretagna provocherà all’Italia danni per 727 milioni di euro. A quanto si legge dai numeri di Confartigianato, pare che il Nord dell’Italia dovrebbe subire maggiormente il contraccolpo della Brexit. Confartigianato spiega il perché di queste preoccupazioni.

I numeri di Confartigianato

Leggendo il rapporto di Confartigianato si capisce che le conseguenze della Brexit per l’Italia non saranno proprio come un passaggio indolore (N.d.R.), anzi.

E a risentirne maggiormente saranno proprio le regioni e le province del nord che maggiormente esportano in Gran Bretagna.

Le esportazioni in Gran Bretagna di prodotti manifatturieri nei settori a più alta concentrazione di piccole imprese sono pari a 7.538 milioni di euro, rappresentano il 33,4% dell’export complessivo Oltremanica e incidono per lo 0,52% del valore aggiunto italiano.

Il settore di piccole imprese con maggiori vendite nel Regno Unito è l’alimentare, con 1.972 milioni di euro, seguito da quello dell’abbigliamento (1.381 milioni), della pelle (1.051 milioni), dei mobili (939 milioni), dei prodotti in metallo (894 milioni), del tessile (424 milioni) e del legno con 106 milioni.

L’impatto della Brexit sulla domanda di importazioni del Regno Unito provocherà minori esportazioni italiane dei settori a maggiore concentrazione di piccole imprese per 727 milioni di euro.

La regione più esposta sul fronte dell’export delle piccole imprese in Gran Bretagna è il Friuli-Venezia Giulia, seguita da Veneto, Toscana, Emilia-Romagna.

La classifica delle provincie più esposte, vede al primo posto Belluno con l’export di MPI sul valore aggiunto regionale pari al 3,93%, seguita da Pordenone con il 2,64%, Gorizia con il 2,58%, Reggio Emilia con il 2,41%, Piacenza con il 2,35%, Prato con il 2,19%, Treviso con il 2,01%, Vercelli con l’1,78%, Vicenza con l’1,71% e Salerno con l’1,70%“.

LEGGI altre notizie di ECONOMIA



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Scrivo articoli sul fisco, sociale, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU