Le conseguenze della Brexit | Danni a EXPORT del NORD ITALIA

loading...

Le conseguenze della Brexit

Confartigianato nell’assemblea 2016 ha sottolineato le conseguenze della Brexit sulle esportazioni dal territorio italiano. L’uscita dall’Europa della Gran Bretagna provocherà all’Italia danni per 727 milioni di euro. A quanto si legge dai numeri di Confartigianato, pare che il Nord dell’Italia dovrebbe subire maggiormente il contraccolpo della Brexit. Confartigianato spiega il perché di queste preoccupazioni.

I numeri di Confartigianato

Leggendo il rapporto di Confartigianato si capisce che le conseguenze della Brexit per l’Italia non saranno proprio come un passaggio indolore (N.d.R.), anzi.

E a risentirne maggiormente saranno proprio le regioni e le province del nord che maggiormente esportano in Gran Bretagna.

Le esportazioni in Gran Bretagna di prodotti manifatturieri nei settori a più alta concentrazione di piccole imprese sono pari a 7.538 milioni di euro, rappresentano il 33,4% dell’export complessivo Oltremanica e incidono per lo 0,52% del valore aggiunto italiano.

Il settore di piccole imprese con maggiori vendite nel Regno Unito è l’alimentare, con 1.972 milioni di euro, seguito da quello dell’abbigliamento (1.381 milioni), della pelle (1.051 milioni), dei mobili (939 milioni), dei prodotti in metallo (894 milioni), del tessile (424 milioni) e del legno con 106 milioni.

L’impatto della Brexit sulla domanda di importazioni del Regno Unito provocherà minori esportazioni italiane dei settori a maggiore concentrazione di piccole imprese per 727 milioni di euro.

La regione più esposta sul fronte dell’export delle piccole imprese in Gran Bretagna è il Friuli-Venezia Giulia, seguita da Veneto, Toscana, Emilia-Romagna.

La classifica delle provincie più esposte, vede al primo posto Belluno con l’export di MPI sul valore aggiunto regionale pari al 3,93%, seguita da Pordenone con il 2,64%, Gorizia con il 2,58%, Reggio Emilia con il 2,41%, Piacenza con il 2,35%, Prato con il 2,19%, Treviso con il 2,01%, Vercelli con l’1,78%, Vicenza con l’1,71% e Salerno con l’1,70%“.

LEGGI altre notizie di ECONOMIA

@ Riproduzione riservata


Mauro Guitto

Mauro Guitto

Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
wpDiscuz
Torna SU