LECCO crollo cavalcavia SS36 | E’ scontro ANAS-Provincia. Guarda il VIDEO

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i


LECCO crollo cavalcavia SS36

Un grave incidente si è verificato questa sera provocando un morto e 4 feriti (tra questi 3 bambini). LECCO crollo cavalcavia SS36.

I dettagli dell’incidente

E’ successo sulla strada statale 36 Milano-Lecco dove alle 17.20 circa, un cavalcavia è crollato mentre un tir cercava di percorrerlo. Il crollo ha travolto alcune auto che passavano in quel momento sotto il cavalcavia. Ci sarebbe un morto e 4 feriti, dei quali 3 bambini e l’autista del tir.

Pare che alcune ore prima, qualcuno avesse segnalato dei problemi non ben precisati in quella strada.

La strada è rimasta poi chiusa per tutta la notte per i lavori di rimozione del viadotto crollato e del tir che è precipitato insieme ad esso.

Adesso, mentre si piange il morto e i feriti, scoppia la polemica tra ANAS e provincia che si rimbalzano le colpe per quanto accaduto.

LECCO crollo cavalcavia SS36

Il comunicato dell’ANAS del 28 ottobre

Anas informa che, con i propri operai e con ditte specializzate, sta provvedendo assieme alla Polizia stradale e ai Vigili del Fuoco, al taglio delle travi della campata della Strada Provinciale SP49 ceduta sulla SS36 e sta partecipando alle operazioni di soccorso di quanti sono rimasti coinvolti nel crollo.

È inoltre stato confermato che il Tir che è precipitato dal cavalcavia della strada provinciale SP49 era un trasporto eccezionale di notevole ingombro e peso autorizzato dalla Provincia di Lecco. Non risulta ancora verificato il peso effettivo del mezzo. Il cavalcavia era stato realizzato tra gli anni Sessanta e Settanta dalla Provincia di Como.

I comunicati precedenti

Anas informa che, dalle prime ricostruzioni dei fatti, il cantoniere Anas addetto alla sorveglianza del tratto della strada statale 36 al km 41,900, sul quale alle ore 17.20 è ceduto il cavalcavia n. 17 della strada provinciale SP49, già attorno alle ore 14.00, avendo constatato il distacco di alcuni calcinacci dal manufatto, ha disposto immediatamente la loro rimozione e la parzializzazione della SS36 in corrispondenza del cavalcavia.

Subito dopo il cantoniere, in presenza della Polizia Stradale, ha contattato gli addetti alla mobilità della Provincia di Lecco, responsabile della viabilità sul cavalcavia, e li ha ripetutamente sollecitati alla immediata chiusura della strada provinciale SP49 nel tratto comprendente il cavalcavia.

Gli addetti della Provincia hanno richiesto un`ordinanza formale da parte di Anas che implicava l`ispezione visiva e diretta da parte del capocentro Anas, il quale si è attivato subito, ma proprio mentre giungeva sul posto il cavalcavia è crollato. È stato inoltre accertato che il Tir che è precipitato dal cavalcavia provinciale era un trasporto di bobine di acciaio il cui notevole peso non è al momento noto.

Quello successivo all’incidente

Anas comunica che la strada statale 36 ‘del lago di Como e dello Spluga’ è chiusa in corrispondenza del km 41,000, tra i comuni di Cesana Brianza e Annone, in provincia di Lecco, a causa del cedimento di un cavalcavia lungo la strada provinciale n.49. Per ridurre i disagi alla circolazione, il traffico viene deviato con indicazioni in loco in direzione Nord con uscita obbligatoria a Erba-Como e in direzione Sud a Pescate.

Sul tratto, dove sono stati coinvolti veicoli in transito, sono intervenuti il personale del 118, le squadre Anas, i Vigili del Fuoco e le Forze dell’Ordine per i primi accertamenti e le operazioni di soccorso.

Anas raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l’evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web ANAS oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione ‘VAI Anas Plus’, disponibile gratuitamente in ‘App store’ e in ‘Play store’. Inoltre si ricorda che il servizio clienti ‘Pronto Anas’ è raggiungibile chiamando il nuovo numero verde, gratuito, 800 841 148.

 

Photo Credits: lecconotizie.com

LEGGI altre notizie dalla LOMBARDIA

@ Riproduzione riservata


Mauro Guitto

Mauro Guitto

Giornalista iscritto all’Ordine dei Giornalisti Regione Puglia

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
wpDiscuz
Torna SU