Onorevole politico, poesia: “Onore’, scusate tante…”

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 1 minuto/i


Onorevole

Molti politici si appropriano del titolo di Onorevole, ma sicuramente pochissimi lo hanno meritato e chissà se fra tanti politici attuali non ce ne sarà qualcuno che possa veramente meritarlo. Ho i miei dubbi, ma continuo a sperare.

Onore’, scusate tante…

Onoré, scusate tante,
si nun parlo nun reposo;
‘o ssapite so’ ‘gnurante,
ma diciteme ‘na cosa.

Che vvò’ dì’ chesta parola,
chesta specie d’etichetta,
ca nun nc’è bbisogno ‘e scole,
ll’haje sultanto si si’ eletto.

“Onorevole vuol dire,
uomo di cortanto onore;
se ne può solo investire
deputato o senatore”.

Onoré’, tu che m’ammacche
cu ‘sta bbella fessarìa;
nun me miette dint’’o sacco…
Onorevole songh’io!

Io ca a scola nun so’ gghiuto,
pe’ abbuscà nu muorzo ‘e pane;
io ca verzo ‘e contribbute
e nun saccio quala mana…

…Quala vocca e qquala panza,
se fa ciotta e n’apprufitta;
onoré’, levate ananze,
ca ll’onore nce sta scritto…

…’Nfaccia a cchi se mòre ‘e famme,
‘nfront’ a ttutt’’e puverielle.
‘Nnanze a nnuje, si nce ‘ncuntramme,
t’he’ levà sulo ‘o cappiello!

LEGGI altre poesie e articoli di CULTURA



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Antonio Ruggiero

Antonio Ruggiero

Scrittore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU