Previsioni weekend 4-5 novembre 2017 | Maltempo al Nord, si salva il Sud

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i


Previsioni weekend 4-5 novembre 2017

Sabato si manifesteranno i primi segnali di un cambiamento che sarà più evidente a partire dalla giornata di domenica. Vediamo cosa dicono le previsioni weekend 4-5 novembre 2017 a cura degli esperti di “Meteo.it”.

In arrivo una perturbazione

Una ondata di maltempo investirà prima le regioni centro-settentrionali, poi quelle meridionali dall’inizio della prossima settimana.

Meteo di sabato

Nuvoloso o molto nuvoloso al Nord e in Toscana con qualche debole pioggia in Liguria; non escluse locali pioviggini in Piemonte, Lombardia ed Emilia. Nel resto del Centro-Sud sarà una giornata abbastanza soleggiata intervallata dal passaggio di qualche banco nuvoloso ad alta quota. Il raggruppamento di nuvole sarà un po’ più esteso sulla Sardegna e dalla serata su tutte le regioni centrali e sulla Campania.

Tra la sera e la notte peggioramento al Nord-Ovest, dove aumenterà il rischio di deboli piogge sparse. Temperature diurne in lieve calo al Nord, in leggero aumento al Centro e Sardegna: sull’Isola punte attorno a 25°, complici i moderati venti di Scirocco. Sul mar Tirreno occidentale e sul Canale di Sicilia lo Scirocco è destinato a rinforzare.



Previsioni weekend 4-5 novembre 2017: DOMENICA arriva il maltempo

Dal mattino sarà maltempo al Nord e in Sardegna con tendenza al peggioramento anche su Toscana, Umbria e Lazio, con il rischio di temporali. Su Sicilia, medio Adriatico e Sud nuvolosità in transito alternata a schiarite e senza fenomeni. Venti in intensificazione e neve sulle Alpi oltre i 2000 metri, in brusco calo a partire dalla serata fino a:

  • 1000 metri nelle Alpi piemontesi e valdostane;
  • 1400-1500 metri su quelle lombarde e in Alto Adige.

Sarà una giornata in generale molto ventosa, in particolare sui mari di Ponente che potranno risultare anche agitati. Temperature in aumento ovunque nei valori minimi, in lieve calo le massime al Nordovest e sulla Sardegna; in lieve aumento nelle regioni adriatiche.

ALLERTA METEO della Protezione Civile

Allerta rossa su parte del Veneto, allerta arancione in Liguria, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia a partire da sabato 4 novembre. Una perturbazione atlantica in avvicinamento verso la nostra penisola porterà dalla serata un progressivo peggioramento del tempo e venti forti. Prima attraverserà le regioni di nord-ovest in successiva estensione da domenica 5 su tutte le regioni settentrionali e su quelle centrali del versante tirrenico.

L’avviso

Dal tardo pomeriggio del 4 novembre precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Liguria, in estensione a Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana, Veneto, Provincia Autonoma di Trento, Friuli Venezia Giulia e Sardegna, e dal pomeriggio di domenica su Umbria e Lazio. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

L’avviso prevede inoltre, dalle prime ore di domenica 5 novembre, venti da forti a burrasca dai quadranti meridionali su Emilia-Romagna, Veneto e Marche, con possibili mareggiate lungo le coste esposte.

I livelli di allerta

E’ allerta arancione da sabato 4 sui settori centrali della Liguria mentre per domenica è stata valutata allerta rossa in Veneto sul bacino del Piave pedemontano e allerta arancione su buona parte del restante territorio veneto, oltre che su gran parte del Friuli Venezia Giulia e della Liguria e sui settori nord-orientali della Lombardia, Milano inclusa.

Allerta gialla per rischio idraulico e idrogeologico su ampi settori del nord Italia, su Toscana, Umbria e Lazio oltre che sui settori occidentali di Abruzzo, Molise e Sardegna.

Fonte: Meteo.it

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU