Programma operativo Val d’Agri | Piero Lacorazza chiede verifiche

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i


Programma operativo Val d’Agri

Il consigliere del PD: “Mentre si attende la convocazione del tavolo di crisi al Ministero dello sviluppo economico, al quale auspico possano partecipare i sindaci e i rappresentanti dei lavoratori e delle imprese, per dare una risposta immediata dopo il blocco delle attività petrolifere, appare non più rinviabile una verifica complessiva delle attività finanziate con il Programma operativo Val d’Agri e dell’uso delle royalties petrolifere“.

Programma operativo Val d’Agri, 3 sono le interrogazioni del consigliere Lacorazza

(Programma operativo Val d’Agri). Con tre interrogazioni depositate il 27 maggio 2016 il consigliere regionale del Pd chiede al Presidente della Regione come sono stati impiegati i fondi delle royalties petrolifere. Vuole inoltre conoscere lo stato di attuazione di alcuni progetti infrastrutturali.

Piero Lacorazza con la prima interrogazione chiede al presidente della Regione, Marcello Pittella, di conoscere “lo stato della disponibilità degli impegni contabili ai fini dell’avvio o del completamento di una serie di interventi: dalla realizzazione dell’auditorium a scala sovracomunale (soggetto attuatore Comune di Tramutola), alla rete di adduzione del gas metano (soggetto attuatore Comune di Roccanova), dagli interventi per l’area archeologica di Grumentum (soggetto attuatore Mibac) al progetto ‘Da Grumentum a Grumento’ (soggetto attuatore Comune di Grumento), fino alla valorizzazione delle produzioni olivicole del Sauro e della Val D’Agri (soggetto attuatore Comune di Missanello), alla ‘delocalizzazione, ammodernamento e riqualificazione delle piccole e medie imprese esistenti’ e alla creazione di attività imprenditoriali (soggetto attuatore Sviluppo Basilicata, agli interventi per l’area Pip di Moliterno e per il Municipio Paterno (soggetti attuatori Comuni di Paterno e Moliterno) e agli interventi previsti nella programmazione comunale di Roccanova e Viggiano“.

La seconda interrogazione riguarda, invece, “lo stato della disponibilità degli impegni contabili ai fini dell’avvio o del completamento di alcune arterie stradali: si stratta della strada provinciale 89 di collegamento tra Roccanova e la statale 598, della strada provinciale ‘Moliternese’ – Strada Visciglieta – Sarconi, della strada provinciale 19 di collegamento Fondovalle – Cogliandrino di Moliterno. Ma Lacorazza in questo caso chiede anche di conoscere “lo stato di impegno delle risorse previste da una delibera della Giunta regionale del 2012 nell’ambito dell’Accordo di adesione al Programma Operativo ‘Val d’Agri, Melandro, Sauro, Camastra’ per i Comuni di Accettura, Castelmezzano, Cirigliano, Pietrapertosa, Stigliano, nonché per le Province di Potenza e Matera“.

Quanto alla verifica complessiva sull’utilizzo delle royalties petrolifere da parte della Regione, con la terza interrogazione, Lacorazza chiede di conoscere “l’ammontare complessivo delle royalties incassate dalla Regione Basilicata, quante di queste sono state effettivamente impegnate e spese a favore degli interventi previsti dagli Accordi del Programma Operativo ‘Val d’Agri, Melandro, Sauro, Camastra’ di cui alle D.G.R. n.838/2003 e n.428/2012 e gli impegni e le spese delle risorse residuali; il dato aggiornato relativamente alle risorse programmate, impegnate e spese del Programma Operativo ‘Val d’Agri, Melandro, Sauro, Camastra’; le annualità ad oggi versate di cui alla L.R.40/95 e secondo quanto previsto dalla D.G.R. n.838/2003 e dalla D.C.R. n.645/2003; l’ammontare di eventuali disimpegni di risorse del Pov finalizzate al finanziamento di interventi non rientranti nel suddetto Accordo di Programma; se risulta che progetti finanziati nell’ambito del Programma operativo Val d’Agri siano stati utilizzati in quanto ‘coerenti’ ai fini della rendicontazione dei programmi comunitari cogliendone obiettivi ed eventuali premialità; lo stato di impegno delle risorse destinate ai Comuni di Accettura, Castelmezzano, Cirigliano, Pietrapertosa, Stigliano ed alle Province di Potenza e Matera secondo quanto previsto dall’Accordo di adesione di queste ultime al Programma Operativo ‘Val d’Agri, Melandro, Sauro, Camastra’; in virtù delle modifiche del patto di stabilità interno, a partire dal 1 gennaio di quest’anno, con il nuovo vincolo del pareggio di bilancio di competenza finale di cui alla legge di stabilità 2016, il rapporto tra entrate relative al versamento annuale delle royalties petrolifere ed uscite in termini di pagamenti di beni e servizi riconducibili al Programma operativo Val d’Agri; lo stato di avanzamento delle attività relative alla redazione del Piano Intercomunale Strutturale dell’ambito territoriale della Val d’Agri“.

LEGGI altri articoli su Val D’Agri



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU