TONNO pinna gialla Zu Pietro richiamato | Rischio chimico in DUE LOTTI

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


TONNO pinna gialla Zu Pietro richiamato

Il Ministero della Salute ha reso nota la decisione del ritiro dopo alcuni casi di intossicazione segnalati in Basilicata, Puglia, Lazio e Veneto. E così il prodotto Tranci di Tonno pinna gialla Zu Pietro richiamato dal mercato.

Facciano attenzione soprattutto i soggetti allergici

Il prodotto richiamato (precisiamo, 2 lotti), è pesce decongelato e lavorato dalla Ittica Zu Pietro di Bisceglie (Barletta-Andria-Trani). Sono stati ritirati 2 lotti perché è stata riscontrata la presenza di istamina superiore ai limiti di legge.

Chi avesse acquistato il prodotto si consiglia di riportarlo al punto vendita per chiedere la sostituzione o il rimborso. Si faccia attenzione perché il consumo di pesce “alterato” contenente istamina può provocare intossicazione riconoscibile da sintomi di irritazione a gola e pelle, sudore, nausea, vomito e cefalee. Nei soggetti allergici o asmatici, i sintomi possono essere anche più evidenti.

Tonno pinna gialla Zu Pietro richiamato: i dettagli

  • Marchio del prodotto: ITTICA ZU PIETRO SRL APPROVAL NUMBER IT CE 2830
  • Denominazione di vendita: TRANCIO DI TONNO PINNA GIALLA (Thunnus Albacares) decongelato lavorato – tawed
  • Nome o ragione sociale dell’OSA a nome del quale il prodotto è stato commercializzato: ITTICA ZU PIETRO SRL APPROVAL NUMBER IT CE 2830
  • Lotti di produzione: 753180517 (Lotto 1) e 753200517 (Lotto 2)
  • Marchio d’identificazione dello stabilimento/del produttore: ITTICA ZU PIETRO SRL APPROVAL NUMBER IT CE 2830
  • Nome del produttore: ITTICA ZU PIETRO SRL
  • Sede dello stabilimento: Bisceglie (BT) Via Varsavia, 9 – 76011
  • Data di scadenza o termine minimo di conservazione: 02.06.17 (Lotto 1) e 07.06.17 (Lotto 2)
  • Descrizione peso/volume unità di vendita: confezioni da circa 2 kg al pezzo
  • MOTIVO del richiamo: presenza di ISTAMINA superiore ai limiti ex Reg 2073/2005 s.m.i. Associazione con episodi di intossicazione nelle regioni PUGLIA, BASILICATA, LAZIO e VENETO

P.S.: l’immagine, non non si riferisce al prodotto in questione, è a solo titolo dimostrativo.



LEGGI anche


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU