Tullio De Piscopo | Oggi festeggia il suo compleanno un MITO della musica italiana

Tempo di lettura stimato: 6 minuto/i


Tullio De Piscopo compie gli anni

Lo abbiamo rivisto con grandissimo piacere sul palco del Festival di Sanremo 2018 impreziosendo l’esibizione della band “The Kolors”. Oggi Tullio De Piscopo compie gli anni, il Maestro, il mitico percussionista, musicista, cantautore, batterista e chi più ne ha più ne metta!

Più di 50 anni di carriera

Compie 72 anni (24 febbraio 1946) il monumentale Tullio De Piscopo, l’uomo che tempo fa ha vinto anche la sfida più difficile, il tumore. Si è ripreso alla grandissima Tullio ripresentandosi anche su quel palco (Sanremo) che ha lanciato tanti grandissimi e che lo ha spesso visto protagonista in passato. Come si fa a non ricordare il suo “Andamento lento” che presentò proprio al Festival nel 1988 con il quale ha fatto ballare chiunque.

Molti ricordano quel brano così

Scrive un fan: “Grandissimo … con questo suo meraviglioso groove. A quei tempi facevano vedere il dietro le quinte di Sanremo e ricordo alcune riprese esterne dove lui se ne andava in giro per la città col suo gruppo a suonare un tambureggiante sound..“.

Mino scrive “Questa è storia!” mentre Paolo scrive: “Mitico !!! La storia delle percussioni è passata di qui !!!” e Mara: “Grandissimo Tullio, orgoglio napoletano, anche se non sono napoletana“.



Tullio De Piscopo compie gli anni un patrimonio italiano

Tullio De Piscopo è un patrimonio italiano della nostra musica e noi gli auguriamo una lunghissima vita affinché possa continuare a farci ballare. Di lui ricordiamo anche i brani “E fatto ‘e sorde!” (1985) e “E allora e allora” (1989), “Conga Milonga” (2010) grazie ai quali ha trascinato il pubblico con il suo ritmo travolgente, energico e instancabile.

La sua grande carriera

Tullio De Piscopo nasce a Napoli in una famiglia di percussionisti: suo fratello era un batterista e suo padre era percussionista e batterista. Fin da piccolo si evidenzia il feeling di Tullio con ogni tipo di percussioni. A 24 anni, dopo la Leva nei Bersaglieri, suona nella più importante orchestra da ballo di Zavallone a Bologna e nel frattempo viaggia tra Napoli e il Jazz Club “Il Capolinea” di Milano, città dove poco dopo decide di trasferirsi definitivamente. La sua carriera prosegue con tante soddisfazioni partecipando ai festival più importanti d’Italia di quel periodo e arriva anche il suo primo 45 giri di batteria e percussione prodotto da Aldo Pagani e poi il suo primo LP “Suonando la batteria”.

A 28 anni è già il batterista più ricercato negli Studi di registrazione italiani per jazz e musica leggera. Sono tanti gli artisti con cui Tullio collabora: da Celentano a Mina, Iannacci, Vanoni, Zanicchi, Reitano, Cutugno, Modugno e tantissimi altri importanti. Arriva poi la collaborazione con Astor Piazzolla per il quale incide l’LP Libertango e l’LP Summit con Mulligan e Piazzolla con il quale negli anni registra 11 LP e gira il mondo nella sua tourneè.

Gli anni ’70-’80

Nel ’76 forma la sua prima band “Revolt Group” e due anni dopo con Baiocco, Radius, Palumbo e Farmer registra l’LP “Carta straccia” grazie al quale va in torneè in tutta Italia. L’LP va fortissimo tant’è che nel 1979 Tullio viene nominato musicista dell’anno grazie al referendum popolare indetto dal periodico TV Sorrisi e Canzoni.

Nel 1981 costituisce la band VAIMO con Pino Daniele, Tony Esposito, Rino Zurzolo, James Senese e Joe Amoruso e compone anche musica per alcuni film. Il 1987 è un anno molto importante perchè va in tourneè negli Stati Uniti, Canada, Estremo Oriente, Brasile e Australia dove con onore rappresenta Napoli alternandosi sul palco con artisti del calibro di James Brown e tanti altri. Nel 1988 si rivela ancora più importante perchè arriva il successo al Festival di Sanremo con “Andamento Lento” e tra i vari altri successi riceve anche l’Ambrogino d’oro a Milano e poi l’LP “De Piscopo”.

Dagli anni ’90 ai giorni nostri

Negli anni seguenti l’incontro con il Papa e ancora soddisfazioni in varie tourneè, festival, dischi live, collaborazioni con personaggi importanti, premi e riconoscimenti in ambito jazzistico, classico e non solo ed esperienze in tv come quella su Rai2 nel programma “Mezzogiorno in famiglia” come ospite fisso.

Dal 2007 è direttore artistico del Festival Sorrento Jazz, è presidente onorario di due associazioni non profit sorrentine e insegna batteria presso la Nuova Accademia di Musica Moderna a Milano.

Nel 2010 esce il singolo di successo “Conga Milonga” seguito dal doppio CD “Questa è la storia”, una raccolta di 40 anni della sua carriera. Dal 2011 per De Piscopo tante collaborazioni da nord a sud dell’Italia e partecipazioni a concerti ed eventi durante i quali è stato riconosciuto (a ragion veduta) come il “guru” dei batteristi italiani.

I giorni nostri

Nel 2013 De Piscopo ha partecipato al tour mondiale con Pino Daniele suonando in importanti teatri e jazz festival, con la partecipazione di alcuni noti artisti come Marcus Miller e Mino Cinelù. Il 27 maggio 2014 ha presentato alla Feltrinelli di Via S. Caterina a Chiaia (Napoli) il suo libro intitolato “Tempo! La mia vita” nel quale ha raccontato la sua battaglia (vinta) più difficile.

A febbraio 2018 è salito sul palco del Festival di Sanremo suonando insieme alla band “The Kolors” nel brano “Frida”.

Tullio De Piscopo compie gli anni e noi gli facciamo ancora tantissimi AUGURI! Lunga vita a te, Tullio !

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU