Cucine da Incubo sesta stagione 2018 | Le nuove puntate con chef Antonino Cannavacciuolo

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Articolo aggiornato domenica, 28 Ottobre 2018 21:52

Cucine da Incubo sesta stagione 2018

Eravamo rimasti alla puntata di maggio 2017 quando Antonino Cannavacciuolo nel 10° episodio era andato a risollevare le sorti del ristorante “Ca’ moro” di Livorno. Lo chef napoletano riparte domenica 25 febbraio 2018 (ore 21,25 su Nove) con Cucine da Incubo sesta stagione 2018.

*** Articolo aggiornato sabato 7 aprile 2018 ***

Nuovi episodi

Saranno puntate inedite registrate in giro per l’Italia che vedranno Cannavacciuolo impegnato nel tentare di evitare il fallimento dei ristoratori che lo hanno chiamato per soccorrerli. Per Cannavacciuolo ancora sfide non facili, stavolta anche nelle zone terremotate e in un’altra occasione si ritroverà di fronte a uno chef non vedente. Una esperienza questa, che lo chef definisce “una sensazione unica, una cosa che mi ha davvero colpito“.

Le puntate

Cannavacciuolo ha raccontato in una recente intervista che non è stato possibile girare una puntata nel carcere di Torino. Le riprese sono saltate all’ultimo momento a causa di un episodio avvenuto dietro le sbarre. Ecco le puntate:

  • 1° episodio (prima tv domenica 25 febbraio 2018): Cannavacciuolo è alle prese con il gestore de “Er Barone” di Roma;
  • 2° episodio (prima tv domenica 4 marzo): ristorante “Da Penna” di Busalla (Ge);
  • 3° episodio (prima tv domenica 11 marzo): trattoria pizzeria “Da Odilio” di Torre Del Lago (LU);
  • 4° episodio (prima tv domenica 18 marzo): trattoria pizzeria “Al Vecchio Molino” di Pieve Torina (MC);
  • 5° episodio (prima tv domenica 25 marzo): trattoria pizzeria “Il Ritrovo del Gusto con Chef Silvano” di Francavilla al Mare (CH);
  • 6° episodio (prima tv domenica 1° aprile): Trattoria Pizzeria “Terra Nostra” di Terralba (OR).

RIVEDI TUTTI GLI EPISODI



Cucine da Incubo sesta stagione 2018: “Non faccio miracoli”

A chi gli fa osservare che in diverse occasioni le attività di ristorazione sono comunque fallite lui ha risposto di non avere la bacchetta magica. Dice lo chef: “Io do dei consigli per migliorare la situazione ma se quando me ne vado i gestori tornano a commettere gli stessi errori. Altri erano già fortemente indebitati più di quanto ci avessero raccontato e la chiusura è stata inevitabile“.

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 17
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul sociale, fisco, lavoro e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU