Attacco terroristico Londra | Auto sulla folla, 2 italiani tra i feriti

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Attacco terroristico Londra

Un uomo di circa 40 anni, presumibilmente asiatico, ha investito diverse persone con un Suv. Tutti i dettagli dell’attacco terroristico Londra.

ISIS rivendica l’attentato

La rivendicazione è arrivata il giorno dopo, 23 marzo, da parte dell’Isis. Si attende intanto di conoscere l’identità dell’attentatore. 8 sono le persone che sono state arrestate

Attentato simile a quello di Nizza

Il gravissimo fatto è accaduto mercoledì 22 marzo alle ore 15:40 circa, a Londra, nei pressi del Parlamento. Si tratterebbe di un attacco terroristico. Secondo le prime testimonianze, pare che l’uomo, un asiatico di circa 40 anni, a bordo di un Suv Hyundai i40, abbia investito sul ponte di Westmintser diverse persone. Modalità molto simili all’attentato di Nizza dove persero la vita molte persone. Lo stesso uomo, schiantatosi sul cancello del Parlamento e sceso dal Suv armato di coltello, sarebbe poi stato ucciso dalla polizia, colpito dai colpi di arma da fuoco esplosi al suo indirizzo. Non è ancora nota l’identità dell’attentatore.

Il Premier Theresa May è stata tratta in salvo e si trova in un posto sicuro. Intanto un secondo uomo potrebbe aver preso parte all’attentato, sono in corso le indagini.



Tra i feriti, 2 italiane

40 sono i feriti, tra loro anche due italiane, mentre 4 sono i morti accertati (dato aggiornato al 23 marzo).

Molte delle persone ferite sono state ricoverate in ospedale in condizioni gravi. La verifica sull’eventuale presenza di italiani sul posto ha dato il responso: ci sono 2 italiani di cui non si conoscono ancora le condizioni. Tra i 5 morti, c’è anche un poliziotto.

In conferenza stampa Scotland Yard ha confermato il 22 marzo le vittime tra le quali almeno un poliziotto.


Photo Credit: Twitter

LEGGI anche

Altre notizie di CRONACA



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU