E’ morto Azeglio Vicini | Si è spento l’ex Ct delle “Notti magiche” della Nazionale Italiana

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Azeglio Vicini è morto

Aveva quasi 85 anni (20 marzo 1933) l’ex ct della Nazionale Italiana che prese il post di Enzo Bearzot, campione del mondo del 1982. Azeglio Vicini è morto ieri a Brescia, un uomo perbene e sempre pacato, mai fuori dalle righe nella sua carriera. I funerali si terranno govedì 1° febbraio alle ore 16,30 nel Duomo di Brescia, poi la sepoltura nella tomba di famiglia a Cesenatico (Forlì-Cesena). La Federcalcio ha deciso che dal match di coppa Italia Milan-Lazio sarà osservato un minuto di raccoglimento su tutti i campi di calcio fino alla prossima giornata di campionato.

Fu il Ct della Nazionale a “Italia ’90”

Ha allenato gli Azzurri fino al 1991 dopo aver partecipato al mondiale di Italia ’90 con una squadra che andò anche vicina al titolo. In quella edizione l’Italia di Zenga, Roberto Baggio, Totò Schillaci, Franco Baresi (e tantissimi altri) fu eliminata ai calci di rigore dall’Argentina di Diego Armando Maradona. Nel ’91 lasciò il posto a un altro romagnolo come lui, Arrigo Sacchi che in finale riuscì ad arrivarci perdendo ai calci di rigore contro il Brasile.

Il mondiale del ’90 fu caratterizzato dall’inno di Gianna Nannini insieme a Edoardo Bennato, “Notti Magiche”… Un brano che, risentendolo, ci fa emozionare tantissimo… avendo vissuto intensamente quel Mondiale in cui l’Italia si classificò al 3° posto battendo a Bari l’Inghilterra nella “finalina”.

La carriera

Azeglio Vicini è stato anche un calciatore della Sampdoria degli anni ’50/’60, poi l’esordio da allenatore sulla panchina del Brescia calcio. Non è una esperienza felicissima in quel campionato 1967-’68 perché si conclude con la retrocessione in serie B. Nella stagione 1975-76 il primo incarico con la Nazionale, viene assunto per disputare il campionato europeo di categoria come ct dell’Under 23. Poi per 10 anni è Ct della Nazionale Under 21 con la quale ottiene 3 volte la qualificazione ai quarti di finale degli Europei (1978, 1980 e 1982), arrivando alla semifinale nel 1984. Nell’edizione del 1986 si piazza al 2° posto perdendo ai rigori la finale contro la Spagna.

Ha allenato per brevi periodi Cesena e Udinese, nel 1995-96 è stato consigliere tecnico del Brescia e presidente dell’Associazione Italiana Allenatori Calcio. Poi la carica di Presidente del Settore tecnico della FIGC sostituito dal suo ex numero 10 della Nazionale, Roberto Baggio.



Azeglio Vicini è morto: la vita privata

Vicini viveva a Brescia dal 1963 insieme alla moglie Ines e ai suoi 3 figli: Ofelia, Manlio e Gianluca.

Il ricordo della semifinale contro l’Argentina

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU