Bambola Sweet Princess ritirata dal mercato | E’ pericolosa per i bambini

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 1 minuto/i


Bambola Sweet Princess ritirata dal mercato

L’allarme arriva dal sistema di allerta europeo non alimentare e riguarda la bambola Sweet Princess ritirata dal mercato dopo una segnalazione giunta dalla Polonia.

I dettagli del richiamo

  • Categoria: Giocattolo (Bambola di plastica).
  • Denominazione Prodotto: Sweet Princess the First.
  • Marca: SCONOSCIUTA.
  • Modello: DY810, TC55529
  • Codice a barre: 5 907714 492365.
  • Paese d’origine: Cina.
  • Segnalato da: POLONIA.
  • Descrizione del prodotto: bambola di plastica.
  • Natura del rischio: SERIO.
  • PERICOLO: la plastica della bambola contiene una quantità eccessiva di bis (2-etilesil) ftalato (DEHP) (valore misurato:31 % in peso). Tale ftalato può danneggiare la salute dei bambini, causando possibili danni al loro sistema riproduttivo. Il prodotto non è conforme al regolamento REACH.

GLI FTALATI

Sono una famiglia di composti chimici usati nell’industria delle materie plastiche come agenti plastificanti o sostanze aggiunte al polimero per migliorarne la flessibilità e la modellabilità. Il PVC è la principale materia plastica (in termini di volume di produzione) in cui vengono impiegati.



Bambola Sweet Princess ritirata: PROVVEDIMENTI ADOTTATI
  • Misure obbligatorie: Ritiro del prodotto dal mercato da parte dell’importatore.
Altre bambole simili sono state ritirate, guarda l’elenco

FONTE delle informazioni: “Relazioni settimanali delle notifiche del sistema di allerta rapido, pubblicate a titolo gratuito in inglese sul sito ec.europa.eu/consumers/rapid-alert-system, © Unione europea, 2005-2018”.

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU