Lista migranti | Comune di Bari, una lista per chi vuole ospitarli

Tempo di lettura stimato: 1 minuto/i


Lista migranti | Comune di Bari, una lista per chi vuole ospitarli

Lista migranti. Bari, prima città italiana (e al momento unica) a organizzarsi per ospitare i migranti in casa. Ieri sul proprio sito istituzionale il Comune di Bari ha annunciato che è disponibile la scheda per permettere ai baresi di dare la disponibilità a ospitare i migranti nella propria abitazione. Il Comune spiega che tutto è nato dalle diverse richieste pervenute dall’assessorato al Welfare che hanno portato alla decisione di predisporre una scheda la cui compilazione darà a ogni cittadino barese la possibilità di rendersi disponibili a ospitare i migranti nella propria abitazione oppure nella eventuale seconda abitazione. Nelle prossime settimane partiranno i primi incontri formativi e motivazionali di carattere sociale, psicologico e legale coordinati dall’ufficio Immigrazioni per ricevere tutte le informazioni necessarie. Verranno spiegate le procedure di ospitalità e le eventuali altre forme di accoglienza e sostegno come l’affido dei minori migranti non accompagnati. L’assessore al Welfare Francesca Bottalico ha sottolineato che trattasi di una procedura sperimentale senza precedenti in Italia e che vanno tutelati sia i migranti (dando loro la possibilità di diventare in futuro autonomi) sia i cittadini disponibili nei loro confronti. L’assessore ha aggiunto che saranno predisposti e organizzati eventuali spazi di confronto tra le famiglie ospitanti, tra chi si occupa di progetti SPRAR territoriali, la Prefettura, i servizi sociali e il progetto affido del Comune di Bari.

Ne è scaturito un botta e risposta tra Matteo Salvini e Antonio De Caro, sindaco di Bari.

 

Torna alla Homepage de La Gazzetta Digitale

FOOD

SEGUICI SU TWITTER

@ Riproduzione riservata



Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Commenta l'articolo

Commenta per primo

  Subscribe  
Notifica

La Gazzetta Digitale

Torna SU