Gli usi alternativi della LAVASTOVIGLIE | E’ ottima anche per CUCINARE

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i


Gli usi alternativi della LAVASTOVIGLIE

Provvidenziale lavastoviglie, non solo preziosa alleata contro quel diavolo di sporco che insidia le nostre stoviglie, ma anche come strumento (molto alternativo!) di… Gli usi alternativi della lavastoviglie: la cottura! Sì, avete capito bene, la lavastoviglie per cucinare.

L’idea bizzarra… ma non troppo

Gli usi alternativi della lavastoviglie non sono il frutto della pazzia di qualcuno. L’idea è quella di sfruttare il calore e il vapore che si producono durante il lavaggio di un carico di stoviglie, per cuocere i cibi e, non fosse altro per l’originalità del metodo, vale la pena provare.

Per quanto bizzarra possa sembrare questa idea, fate uno sforzo e superate il pregiudizio iniziale, in effetti questa tecnica di cottura (decisamente originale), è facile e offre parecchi vantaggi, ma soprattutto è sicura.

Risparmio energetico e sostenibilità ambientale

Da varie analisi chimiche effettuate sui cibi preparati in lavastoviglie risulta che i contenitori di cottura (barattoli di vetro, quelli usati comunemente per le conserve, e sacchetti per il sottovuoto) sono efficaci e stagni al 100% per proteggere gli alimenti da detersivi, acqua e residui presenti all’interno dell’elettrodomestico.

E’ importante comprendere inoltre che questa tecnica di cottura non è solo una idea originale, ma risponde all’esigenza di un risparmio energetico e di conseguenza, di sostenibilità ambientale.



Il lavaggio a mano

Contrariamente a quanto molti pensano, la lavastoviglie è di gran lunga più ecologica (specie i modelli di classe A) del tradizionale lavaggio a mano delle stoviglie.

Recenti studi hanno infatti dimostrato come, lavando i piatti a mano, si consumano ben oltre 100 litri d’acqua, senza contare l’energia impiegata per riscaldarla.

Il lavaggio con lavastoviglie

Usando la lavastoviglie, i litri di acqua consumata si riducono fino a circa 10-20 (a seconda del programma di lavaggio) e l’energia consumata non va oltre i 1,3 kWh.

Ovviamente l’optimum sarebbe avviare la lavastoviglie solo a pieno carico e usare detersivi vegetali biodegradabili.

I vantaggi della cottura in lavastoviglie

La cottura in lavastoviglie, coscienza ambiental-ecologista a parte, risulta essere particolarmente vantaggiosa rispetto alle tecniche di cottura tradizionali per diverse ragioni.

Consente infatti di cuocere i cibi a bassa temperatura (come spesso usano fare gli chef stellati per preservare ed esaltare le qualità organolettiche degli ingredienti).

Il vapore che si sprigiona nella lavastoviglie in funzione è simile in tutto e per tutto a quello che si sviluppa nella salutare cottura a vapore, quindi perché non sfruttarlo per cuocere?

Una scelta fondamentale..

È fondamentale scegliere il contenitore e i cibi più adatti in base al programma che si sta per avviare (rapido, normale/automatico, eco, intensivo).

Ciascuno di essi ha una durata e una temperatura specifiche e le ricette sono quindi pensate in base ai programmi di lavaggio, ma a trarne vantaggi è anche il sapore.

Mantenendo inalterate non solo le sostanze nutrizionali, questa tecnica di cottura concentra tutti gli aromi naturali degli alimenti, esaltandone altresì la naturale sapidità, sarà quindi possibile ridurre le quantità di sale a tutto beneficio della salute.

RICETTA del Curry di verdure in lavastoviglie

Iniziamo subito a cucinare in modo intelligente, ecologico e originale e lo facciamo con un ottimo Curry di verdure in lavastoviglie.

Preparazione

Prendere una cipolla, 4 zucchine e 4 carote, pulirle e affettarle. Condire le verdure con un pizzico di sale, un cucchiaio di miele, due cucchiai di latte di soia o di cocco e un cucchiaino di curry.

Richiudere il tutto in un sacchetto per sottovuoto e cuocere in lavastoviglie con programma normale se amate le verdure croccanti, o con uno intensivo se le preferite più morbide.

Servire il curry di verdure con del riso basmati in bianco e buon appetito!

LEGGI altri articoli su LIFESTYLE



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Rosita

Rosita

Food Blogger, articolista di food, wellness e salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU