IMMAGINANDO IL DOMANI di Taranto | Il futuro visto dagli studenti

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 5 minuto/i


IMMAGINANDO IL DOMANI di Taranto

Gli studenti tarantini, con Immaginando il domani di Taranto, si sono espressi su come vedono il futuro della propria città.

Sono loro che possono cambiare i destini di una città schiacciata dagli interessi statali legati alla siderurgia che ne hanno distrutto ambiente ed economia locale. E, come leggeremo dalla testimonianza dei “Liberi e Pensanti” e dai lavori dei ragazzi, non è vero che i giovani di oggi vivono in maniera disinteressata e disinformata ciò che sta accadendo nella loro città.

Da questo evento, immaginando il domani di Taranto, sono venuti fuori lavori interessanti e anche toccanti, come il video “Dal fumo alle stelle” per esempio, un video che fa capire quanto i ragazzi siano sensibili al problema inquinamento che attanaglia la città da decenni.

Ottimo il lavoro come sempre dei “Liberi e Pensanti” che proseguono nell’attività di sensibilizzazione ai problemi di Taranto ma anche all’attivismo collettivo perché per avere una “Taranto libera”, servono cittadini consapevoli, uniti e attivi. Vale per i giovani e vale anche per i meno giovani.

“Immaginando il domani”

E’ questo il nome della prima edizione dell’iniziativa rivolta alle scuole e agli studenti di Taranto legata all’evento contenitore “Uno Maggio Taranto” (se non hai letto i nostri articoli sull’evento “Uno Maggio Taranto” cliccaci sopra).

Ai ragazzi, immaginando il domani di Taranto, è stato chiesto di esprimersi sulla loro idea di futuro per la città, senza limiti di critica e di proposta, in uno scenario che comprendesse ogni aspetto della connotazione urbana, della vita collettiva.

I lavori degli studenti immaginando il domani di Taranto

7 sono i lavori pervenuti:

  • 4 elaborati per la categoria tema libero;
  • 1 per la categoria grafico/pittorica;
  • 3 per la categoria audio/video.

Gli elaborati della categoria TEMA LIBERO

  1. La città del sole” di 3 BC Liceo classico “Quinto Ennio” di Taranto.
  2. Pedalando lungo un sogno” Marco De Bartolomeo della classe 3I turismo dell’ITES “Pitagora” di Taranto.
  3. La città del futuro” IISS “Galileo Ferraris” di Taranto.
  4. Taranto 2030, Capitale del turismo culturale” Liceo ginnasio statale “Aristosseno” di Taranto.

La Commissione giudicatrice ha decretato tre ex aequo tra i lavori svolti, facendo rientrare l’elaborato denominato “La città del sole” nella categoria narrativa fantastica-verosimile; l’elaborato “Pedalando lungo un sogno” nella categoria narrativa realistica ed infine l’elaborato “La città del futuro” nella categoria tecnico-espositiva.

I lavori della categoria GRAFICO/PITTORICA

  1. Chiara Briganti della classe 5B Grafica dell’IPS “Cabrini” di Taranto che è stato premiato dalla commissione giudicatrice preposta dal Comitato Liberi e Pensanti.

Il commento della commissione sulla realizzazione di Chiara Briganti: “Progetto premiato per la capacità di sintetizzare in un’immagine efficace e visivamente d’impatto, significati profondi di speranza e riscatto. Con notevole visionarietà, la candidata riesce a far presagire un futuro possibile, diverso, affidato alle capacità dei singoli di sognare una città nuova, libera dal proprio passato. Presente e futuro coesistono in uno stesso spazio, un presente greve e minaccioso, dominato dall’inerzia, rappresentato dalla barca immobile sull’acqua e dai fumi dell’Ilva all’orizzonte, cui si contrappone la visione di un futuro roseo e luminoso in cui i sogni sono ancora possibili. Una nuova Taranto appare, circondata dal verde, tra grattacieli e tecnologie all’avanguardia, specchio di un domani che aspetta solo di essere realizzato. Ecco che l’immagine si carica di significati simbolici che attengono alle scelte individuali: il futuro è nelle nostre mani, è l’uomo a decidere del proprio destino“.

I lavori della categoria AUDIO/VIDEO

Dal fumo alle stelle” del Liceo delle scienze umane “Vittorino Da Feltre” di Taranto.

Immaginando il domani” della 5A Tecnica Grafica e Comunicazione del plesso “Perasso” dell’IISS Lentini-Einstein di Mottola che HA VINTO IL CONCORSO “LIBERI E PENSANTI TARANTO”.

APS dell’ITIS “A. Righi” di Taranto

La soddisfazione dei “Liberi e Pensanti”

Abbiamo avuto ragione ad interpellarli perché con i lavori proposti hanno generosamente smentito chi vuole i giovani disinteressati o disinformati.

E’ emersa la necessità di una città vivibile, accogliente, che non spinga all’abbandono, che abbia cura della sua bellezza passata e presente.  

I ragazzi hanno raccontato il disagio ambientale e sociale del loro presente senza mai far trasparire la rassegnazione, sostenendo, anzi argomentando le possibilità concrete di costruire una realtà migliore. 

Siamo convinti che la funzione della scuola sia ben più ampia di quella “strettamente” didattica dell’istruzione, già di per sé determinante nella crescita degli alunni. Esiste una funzione civica piena di responsabilità nell’educare all’approccio al mondo considerato degli adulti e alle relazioni, in una società che pare aver perso la bussola, in cui il tempo dell’analisi è sempre più ridotto, a vantaggio di sintesi spesso offerte dall’esterno, già preconfezionate.

L’obiettivo era dunque quello di stimolare gli studenti, attraverso i docenti, alla partecipazione diretta alla vita sociale, utilizzando un evento di richiamo come il concertone del Primo maggio quale  simbolo di un’azione collettiva, sviluppata all’insegna dell’inclusione.

La consideriamo un’esperienza estremamente positiva, la conferenza di oggi è lo spazio ideale nel quale speriamo che gli studenti continuino a muoversi liberamente.

Siamo solo ai primi passi di una collaborazione che  teniamo a proseguire“.

LEGGI altri articoli su “LIBERI E PENSANTI



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Scrivo articoli sul fisco, sociale, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU