Nuovo marchio e logo per Magneti Marelli | Parte la nuova era tra timori e speranze di dipendenti e somministrati

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 5 minuto/i


Nuovo marchio per Magneti Marelli

Scompare la parola “Magneti” dopo la vendita dell’azienda ai giapponesi di Calsonic Kansei: nuovo marchio per Magneti Marelli che cambia pure il logo.

La nuova era è cominciata

Il nuovo marchio globale è diventato MARELLI, un “nuovo” (dato che è stata troncata la parola MAGNETI) nome che è parte della strategia della nuova società congiunta di fornitori leader nel settore automotive (Calsonic Kansei e Magneti Marelli) per competere su scala mondiale.

Per i vertici aziendali l’adozione di un marchio unico rappresenta un passo fondamentale nell’integrazione delle due società e posiziona MARELLI per competere in maniera ancora più efficace su scala globale.

I VANTAGGI DELLA FUSIONE

La nuova società, in un comunicato stampa, ha spiegato i molteplici vantaggi della fusione avvenuta nei mesi scorsi. MARELLI può infatti contare su circa 170 fra stabilimenti e centri di Ricerca e Sviluppo in Europa, Nord America, Sud America e Asia-Pacifico.

Come MARELLI, la società unificata è ancora meglio posizionata per servire i clienti in ogni parte del mondo, costruendo e diversificando la propria offerta. Con l’unione sotto un unico marchio, la società potrà sfruttare ancor più efficacemente le sue qualità uniche, per aumentare la propria competitività attraverso la costante attenzione all’innovazione, su cui si fonda la reputazione di Magneti Marelli, e al concetto di “Monozukuri”, vale a dire l’eccellenza in termini di prodotti, processi e qualità, di cui Calsonic Kansei è sinonimo.



Un momento cruciale

Si tratta di un momento cruciale per l’evoluzione della nostra società” ha affermato il CEO di Marelli, Beda Bolzenius che ha aggiunto:

Il nuovo brand si fonda sul concetto di ‘Powering Progress Together’, che riflette l’impegno nell’aiutare i nostri clienti a muoversi con sicurezza e affermarsi all’interno di un settore che vive una fase di cambiamento senza precedenti“. “Il nostro obiettivo è partire dalle basi del solido patrimonio grazie al quale le due società si sono affermate, per dare vita a un fornitore automotive leader a livello globale, di cui i nostri dipendenti e i nostri clienti siano fieri di fare parte. La creazione di un marchio unico conosciuto a livello globale è un passo fondamentale nell’unire le nostre risorse e nell’amplificare il nostro impatto a livello globale“.

Il valore del marchio Magneti Marelli

Beda Bolzenius si è poi soffermato sull’importanza di mantenere il valore del marchio di Magneti Marelli dopo la fusione “riproponendolo in un modo nuovo, fresco e riconoscibile da parte dei clienti di tutto il mondo, che comunichi i contenuti di qualità e innovazione per cui siamo conosciuti e crei un senso di unità attorno a un unico marchio con una nuova immagine“.

Un solo grande team e continuità operativa

Per il CEO di Marelli “la fusione in MARELLI unisce i 62 mila dipendenti in un solo grande team, con una identità comune, ed è un passo in avanti verso la creazione di un’azienda leader che creerà le migliori opportunità di carriera per le nostre persone nel lungo termine“.

Bolzenius ha concluso: “Attualmente la nostra priorità è assicurare la continuità operativa a favore di ognuno dei nostri clienti e garantire che tutti gli stakeholder si sentano parte di questa transizione, in modo che possano sfruttare al massimo tutte le opportunità che si presenteranno come risultato di questi cambiamenti“.

LE SPERANZE DEI LAVORATORI (VECCHI E NUOVI)

In tutto questo “movimento aziendale” ci sono le speranze dei “vecchi” e dei “nuovi” lavoratori dipendenti (e somministrati) di Marelli che operano all’interno dei vari stabilimenti. Tutti sperano che nel futuro dell’azienda ci sia realmente l’intenzione di continuare a produrre in Italia.

Per i “nuovi” lavoratori, molti dei quali recentemente assunti in somministrazione dalle agenzie di lavoro con contratto “staff leasing” part-time, c’è la speranza che questa fusione aziendale si traduca anche nella loro assunzione diretta (full-time o part-time) alle dipendenze di Marelli. L’efficace attività sinergica dei sindacati in tal senso rivestirà un ruolo ovviamente fondamentale…

Il logo MARELLI

Il nuovo logo rende omaggio alla lunga storia di innovazione ed eccellenza manifatturiera che ha segnato il successo della società e dei suoi clienti, affiancando i colori aziendali di Calsonic Kansei (azzurro) e Magneti Marelli (blu). Il logo consiste in due forme geometriche che simboleggiano la precisione ingegneristica e le competenze tecnologiche della società. Le forme, due frecce rivolte verso l’alto, rappresentano il progresso e il futuro, e la loro unione esprime la fusione di due aziende forti, che si uniscono in una partnership nel segno di uno spirito collaborativo.

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 21
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU