Risultati anticipi TERZA GIORNATA 2016-17 | JUVENTUS, un altro pianeta

loading...

Risultati anticipi TERZA GIORNATA 2016-17

La Juve vince 3-1 contro il Sassuolo confermando quanto fatto vedere nelle prime due giornate. I risultati anticipi terza giornata 2016-17 lanciano un chiaro messaggio: i bianconeri sono di un altro pianeta, sono bastati 10 minuti per chiudere la pratica Sassuolo. Ma dicono anche che il Napoli c’è e lo dimostra vincendo con un secco 0-3 a Palermo.

Ecco i risultati anticipi terza giornata 2016-17.

Juventus-Sassuolo 3-1

Formazioni

Juventus (3-5-2): Buffon; Benatia, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Khedira, Lemina, Pjanic, Alex Sandro; Dybala, Higuain.
In panchina: Neto, Audero, Dani Alves, Barzagli, Rugani, Evra, Hernanes, Asamoah, Cuadrado, Pjaca, Mandzukic.
Allenatore: M. Allegri

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Gazzola, Antei, Acerbi, Peluso; Pellegrini, Magnanelli, Duncan; Ragusa, Matri, Politano.
In panchina: Pomini, Pegolo, Cannavaro, Lirola, Terranova, Letschert, Mazzitelli, Missiroli, Biondini, Ricci, Iemmello, Adjapong.
Allenatore: Di Francesco.

Arbitro: Di Bello M.
Stadio: Juventus Stadium di Torino

Reti: 5′ e 10′ Higuain, 27′ Pjanic, 33′ Antei (S).



Juventus-Sassuolo: 1° tempo

Una Juve decisa parte subito con il piede sull’acceleratore ma è il Sassuolo al 4′ ad andare molto vicino al gol con il tiro di Politano indirizzato all’angolo alla sinistra di Buffon che si distende e devia in angolo con la mano.

Nemmeno un minuto e al 5′ è invece la Juve a passare in vantaggio con Higuain che, su assist di Dybala, insacca nell’angolo basso di sinistra.

Cinque minuti dopo arriva anche il raddoppio al 10′ sempre con una decisa e potente girata di destro di Higuain, su assist di testa di Khedira in piena area di rigore.

Sembra tutto facile per i bianconeri che infatti al 27′ calano anche il tris con Pjanic (debutto con gol) che prima colpisce la traversa di testa e sulla ribattuta mette in rete.

C’è tempo però per la timida reazione del Sassuolo che, grazie a una uscita sbagliata di Buffon, va in gol con Antei di testa al 33′ e si va al riposo sul 3-1.

Juventus-Sassuolo: 2° tempo

Il secondo tempo parte come il primo. La Juve non rischia nulla e continua a pressare il Sassuolo sfiorando anche il quarto gol in più di una occasione con Pjanic, Dybala (in continua crescita) e Chiellini.

Higuain (3 gol in 2 partite) viene sostituito tra gli applausi al 69′ da Mario Mandzukic.

Khedira al 72′ lascia il posto a Hernanes, fischiato al suo ingresso in campo da una parte dei tifosi juventini.

All’86’ esce Dybala al posto del giovane Pjaca sul quale Allegri conta moltissimo quest’anno.

All’87’ il Sassuolo va vicinissimo al gol del 3-2 con Napolitano che riesce a eludere anche l’uscita di Buffon ma trova Lichsteiner a salvare sulla linea.

Il match scorre verso la fine senza altre grandi emozioni. Finisce 3-1 dopo 6 minuti di recupero.

Juve a punteggio pieno in testa alla classifica dopo 3 partite (6 gol fatti e 2 subiti), Sassuolo fermo a 3 punti (2 gol fatti e 6 subiti).

Juventus-Sassuolo: su e giù

Difesa sempre attenta che non ha lasciato nulla agli emiliani, eccetto l’errore di Buffon che ha permesso al Sassuolo di segnare il gol della bandiera.

A centrocampo, dopo un inizio lievemente incerto, Lemina, è poi cresciuto col passare dei minuti.

Il migliore sicuramente Khedira (grande inizio di campionato per lui).

Buona la partita di Pjanic, dal quale (gol a parte) ci si aspetta di più.

In attacco le buonissime le prestazioni di Dybala e Higuain.

Il Sassuolo ha fatto ciò che poteva per tutto l’incontro di fronte al gioco asfissiante dei bianconeri che non hanno mollato un pallone.

L’ex Alessandro Matri (così come la difesa del Sassuolo), sostituito al 56′ da Missiroli, non ha potuto nulla in avanti contro la corazzata difensiva della Juve.

Risultati anticipi terza giornata 2016-17.

Palermo – Napoli 0-3

Formazioni

Palermo (4-3-3): Posavec; Rispoli, Goldaniga, Rajkovic, Aleesami; Hiljemark, Gazzi, Jajalo; Embalo, Diamanti, Sallai.
In panchina: Fulignati, Vitiello, 4 Andelkovic, Gonzalez, Cionek, Chochev, Balogh, Bouy, B. Henrique, Bentivegna, Nestorovski, Pezzella.
Allenatore: De Zerbi

Napoli (4-3-3): Reina; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Zielinski, Jorginho, Hamsik; Callejon, Milik, Insigne.
In panchina: Rafael, Sepe, Hysaj, Strinic, Giaccherini, Allan, Mertens, Maksimovic, Gabbiadini, Rog, Diawara, Tonelli.
Allenatore: Sarri.

Reti: 47′ Hamsik, 51′ e 65′ Callejon

Palermo – Napoli: il match

E’ stata una partita piena di momenti esaltanti. Si è assistito tuttavia al dominio assoluto del Napoli che ha risposto alla doppietta del suo ex idolo Higuain con la sua nuova squadra.

Il Palermo ha provato a contrastare i partenopei con velocità ma il possesso palla del Napoli non ha lasciato scampo ai siciliani.

I gol sono arrivati tutti nel secondo tempo. Il primo di questi, frutto di un gioco di squadra che ha portato poi Hamsik a segnare il gol dell’1-0 con un tiro all’incrocio dei pali.

4 minuti dopo, al 51′ arriva il raddoppio di Callejon di testa, su cross di Insigne. Ed è lo stesso Callejon che al 65′, con la colpevole complicità del portiere avversario, mette a segno il gol del definitivo 3-0. Il tiro era centrale ma il portiere Posavec combina la frittata.

Finisce 0-3 per il Napoli che fa anche meglio della Juve, non subendo nemmeno un gol, pur giocando fuori casa, sebbene il Palermo sia nettamente inferiore all’ottimo Sassuolo.

Il Napoli si porta a 7 punti, a 2 lunghezze dalla Juve. Il Palermo resta invece fermo a un solo punto in tre partite.

LEGGI altre notizie sulla SERIE A

@ Riproduzione riservata


Mauro Guitto

Mauro Guitto

Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
wpDiscuz
Torna SU