Sciopero scuola lunedì 8 gennaio | Si fermano i docenti della scuola Primaria e dell’Infanzia

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Sciopero scuola lunedì 8 gennaio 2018

La protesta è stata indetta dai Cobas, insieme ad altre organizzazioni di base, contro la “vergognosa sentenza del Consiglio di Stato contro i diplomati e magistrali“. Lo sciopero scuola lunedì 8 gennaio 2018 farebbe prolungare le vacanze natalizie di un giorno ma domani è previsto un incontro al Miur per trovare una soluzione.

Una sentenza vergognosa!

Lo afferma il Cobas che dice: “Il Consiglio di Stato, dopo l’udienza del 15 novembre, ha pubblicato il 21 dicembre una vergognosa sentenza contro i diplomati/e magistrali. Una decisione che va contro tutte quelle precedenti che in questi anni avevano dato ragione a decine di migliaia di docenti. Questi adesso si vedono negare persino il diritto all’inserimento nelle Graduatorie a Esaurimento (GAE), e che vengono retrocessi a docenti di serie C”.

Spiega il leader dei Cobas, Piero Bernocchi: “Questa sentenza pone drammatici problemi, professionali ed umani, ai diplomati magistrali. Molti di loro hanno avuto nomine annuali dalle GAE, molti sono già stati immessi in ruolo e ora, oltre alla perdita del posto di lavoro, rischiano di ritrovarsi improvvisamente reinseriti in seconda fascia o addirittura in terza fascia“.

Si gioca con la vita dei lavoratori

Prosegue il comunicato dei Cobas: “Una sentenza ingiusta, spietata e intollerabile, che gioca con la vita di decine di migliaia di lavoratori/trici. Così com’è insopportabile che il MIUR e il governo non abbiano voluto risolvere un problema serissimo non solo per i lavoratori/trici coinvolti ma per tutta la scuola italiana che di questi docenti non può assolutamente fare a meno. Il problema  è strettamente politico: è intollerabile che i diritti dei lavoratori/trici vengano vanificati dai tribunali.

Bisogna porre fine subito a queste assurdità! Esigiamo che il MIUR ed il governo pongano immediato rimedio (e non rinviando alla prossima legislatura) a questa vergogna che potrebbe portare a un licenziamento di massa di 5300 lavoratori, oltre che a negare la possibilità di stipulare contratti a tempo determinato ad altri 60 mila lavoratori”.



Lo sciopero scuola lunedì 8 gennaio 2018

Bernocchi sottolinea che devono mantenere il proprio posto e la propria posizione coloro che:

  • sono stati immessi in ruolo;
  • hanno avuto un incarico annuale;
  • sono stati inseriti con riserva nelle GAE.
  • hanno già fatto l’anno di prova perchè vale molto di più di un concorso abilitante (come spiega Bernocchi).

Lo sciopero è previsto per lunedì 8 gennaio con una manifestazione nazionale che si terrà a Roma (MIUR, V.le Trastevere, ore 9.30). Si chiderà che una delegazione di diplomati/e magistrali venga ricevuta dalla Ministra Fedeli.

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU