Sito Spesometro bloccato | Scadenza prorogata al 5 ottobre dall’Agenzia delle Entrate

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Sito Spesometro bloccato

Ormai da ore il servizio per inviare telematicamente le fatture è “temporaneamente sospeso per manutenzione”. Il realtà il sito Spesometro bloccato è la dimostrazione della corsa ai ripari dopo la falla emersa a danno della privacy dei contribuenti. L’Agenzia delle Entrate ha comunicato nella serata del 25 settembre che lo Spesometro tornerà a funzionare martedì 26 settembre. Ma la notizia che attendevano i commercialisti è quella relativa alla scadenza che è stata progata al 16 ottobre (proroga aggiornata il 4 ottobre).

Determinante il problema di privacy sul sito

Il blocco del sistema dell’Agenzia delle Entrate (Spesometro) per l’invio telematico dei dati delle fatture emesse e ricevute ha indotto a prorogare la scadenza per l’invio della documentazione prevista per giovedì 28 settembre. Il messaggio che appare quando si cerca di accedere al servizio telematico sulla pagina “Fatture e Corrispettivi” del sito dell’Agenzia delle Entrate: “Il servizio web è temporaneamente sospeso per manutenzione. Restano attivi tutti gli altri canali di trasmissione”.

Il personale tecnico addetto alla manutenzione del sistema ha lavorato tanto per risolvere la questione che andava avanti dalla serata di venerdì 22 settembre. Tutto pare sia nato dal problema di privacy “scoperto” (si fa per dire) nei giorni scorsi perché un semplice inserimento del codice fiscale di un contribuente permetteva di visualizzare tutti i suoi dati. Un evidente problema di mancata garanzia della privacy dei contribuenti che andava risolto immediatamente da parte dei tecnici.

Commercialisti sul piede di guerra

L’invio delle fatture spettava a loro e già il tempo stringeva a prescindere da eventuali sospensioni del servizio telematico, ma era diventata una vera e propria corsa contro il tempo. Il termine ultimo per l’invio della documantazione relativa al primo semestre 2017 era fissato a giovedì 28 settembre e per questo, visti i problemi, il Consiglio nazionale commercialisti ha chiesto e ottenuto uno slittamento dei termini a giovedì 5 ottobre.



Sito Spesometro bloccato: slittano i termini per l’invio?

Il viceministro all’economia, Luigi Casero e il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini avevano ricevuto una lettera da parte delle associazioni nazionali dei commercialisti. Nella lettera, le associazioni avevano espresso le proprie preoccupazioni riguardo al dubbio avvio del nuovo sistema telematico. Inoltre avevano chiesto di non comminare sanzioni su eventuali ritardi o problemi generati dall’inadeguatezza dello Spesometro. La richiesta poi di un incontro urgente e soprattutto che fosse concessa in brevissimo tempo una congrua proroga della scadenza. Ed è arrivata in serata la notizia direttamente dall’Agenzia delle entrate che permetterà ai commercialisti di agire nei tempi giusti.

LEGGI ANCHE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 14
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Scrivo articoli sul fisco, sociale, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU