Terremoto Macerata-Perugia 3 febbraio 2017 | Sisma sopra la magnitudo 4

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i


Terremoto Macerata-Perugia 3 febbraio 2017

La terra trema ancora tra le province dell’Umbria e delle Marche come accade da mesi. Terremoto Macerata-Perugia 3 febbraio 2017 dalla notte tra il 2 e il 3 oltre la magnitudo 4.

Territori che fanno ancora paura

(Terremoto Macerata-Perugia 3 febbraio 2017)

La serie incredibile di scosse nelle province di Macerata, Perugia, Rieti e L’Aquila non vuole proprio interrompersi. Da mesi la terra trema in quelle zone mettendo in ginocchio intere popolazioni nonostante i messaggi “rassicuranti” che qualcuno tenta continuamente di dare in televisione. In alcuni comuni, quelli tra i più colpiti, la gente è ormai stremata: vive in situazioni estreme nella speranza che qualcuno arrivi con degli aiuti concreti.

Soprattutto 3 le scosse che dalle primissime ore della mattinata del 3 febbraio hanno fatto tremare la terra tra le province di Macerata e quelle di Perugia. Non ci sono nuovi crolli né si registrano feriti. Tutto mentre è stato varato il terzo decreto per i terremotati.

E’ davvero logico pensare di ricostruire?

Il grandissimo lavoro di Protezione Civile, Vigili del Fuoco, Volontari, Polizia, Guardia di Finanza e Carabinieri è preziosissimo ma evidentemente non possono fare (ancora) miracoli. Intere famiglie che vivevano di agricoltura che hanno visto la propria terra spaccarsi sotto i propri occhi. Bestiame abbandonato al proprio destino, case venute giù come costruzioni per bambini.

Molte famiglie che hanno perso tutto a causa del terremoto, oggi vivono in case di legno e nei container. Una vita impossibile, una ricostruzione che in alcune zone è ancora più difficile e utopistica di tutto il resto. Lo dimostra il fatto che in Irpinia ci risulta che alcune famiglie colpite dal terremoto dell’80 vivano ancora oggi nei container (e nella speranza!).

Una persona è anche morta di freddo in quelle “case di fortuna”. Pur comprendendo le ragioni affettive, storiche e culturali di chi ci è nato e cresciuto in quelle zone martoriate è logico pensare alla ricostruzione? E’ forse troppo dispendioso ricostruire in zone peraltro sempre e comunque a rischio sisma? Il riferimento è a quei Comuni interamente demoliti dal sisma.



Le scosse più rilevanti dal 3 febbraio 2017
  • ore 6:40 magnitudo ML 3.8 avvenuto nella provincia di Macerata con coordinate geografiche (lat, lon) 43, 13.04 a una profondità di 8 km.
  • 5:10 magnitudo ML 4.4 avvenuto nella provincia di Macerata con coordinate geografiche (lat, lon) 42.99, 13.02 a una profondità di 6 km;
  • ore 4:47 magnitudo ML 4.0 avvenuto nella provincia di Macerata con coordinate geografiche (lat, lon) 42.99, 13.02 a una profondità di 6 km.
I Comuni entro 20 km dall’epicentro della scossa (finora) più forte
ComuneProvDistPopCum Pop
Monte CavalloMC2149149
Pieve TorinaMC614831632
FiordimonteMC72071839
VissoMC811803019
PieveboviglianaMC98443863
MucciaMC109294792
UssitaMC114205212
Serravalle di ChientiMC1110856297
FiastraMC125786875
PreciPG127577632
AcquacaninaMC131227754
SellanoPG1411408894
Castelsantangelo sul NeraMC153109204
BolognolaMC161619365
CamerinoMC17690216267
SefroMC1943116698
LEGGI ANCHE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU