Alga tossica in Puglia | La situazione costantemente aggiornata sulle coste pugliesi

Tempo di lettura stimato: 5 minuto/i


Alga tossica costa pugliese luglio 2018

Passano gli anni ma la storia è sempre la stessa, l’alga arriva ma viene segnalata sempre dopo, quando i bagnanti hanno già fatto il bagno per giorni e giorni prima di sapere che in certi tratti di costa sarebbe stato meglio non andarci. Il rapporto alga tossica costa pugliese luglio 2018 (periodo 1-30 luglio) già parlava chiaro dai primi giorni del mese di luglio…

*** Articolo aggiornato martedì 7 agosto 2018 ***

Il comunicato del Comune di Bari del 7 agosto

Il Comune di Bari rende noto che ARPA Puglia – DAP di Bari ha comunicato che nel campione di acqua prelevato in data 1° agosto 2018 in località lido Trullo (Bari) e  lido Lucciola (Santo Spirito), è stata rilevata una concentrazione elevata di ostreopsis ovata (comunemente nota come alga tossica) oltre i limiti indicati dalle nuove linee guida del Ministero della Salute.

Si precisa che i dati della prima quindicina di agosto saranno resi noti nei prossimi giorni dall’Arpa.

Situazione 16-30 luglio nel barese

La concentrazione di alga tossica, sulla costa a sud di Bari, in località Lido Trullo è aumentata. In località Lido Trullo la densità dell’alga rilevata è molto abbondante sia in superficie sia sul fondo:

  • sul fondo : 12885425 cellule/litro (MOLTO ABBONDANTE)
  • in colonna d’acqua: 166291 cellule/litro (MOLTO ABBONDANTE).


Migliore la situazione a nord di Bari

L’alga si è fatta viva anche sulla costa a nord di Bari, più precisamente a Molfetta prima cala. Nella seconda parte del mese di luglio la concentrazione in superficie rilevata è scarsa (99 cellule/litro). Nello stesso periodo è stata rilevata vicino Giovinazzo (Hotel Riva del sole) una concentrazione modesta sul fondo (10375 cellule/litro) e scarsa in superficie (919 cellule/litro).

Sempre vicino Giovinazzo (200 metri a sud del Lido Lucciola) è stata rilevata una concentrazione modesta sul fondo (19123 cellule/litro) e scarsa in superficie (639 cellule/litro).

Costa a sud di Bari

Situazione quasi nulla vicino Mola di Bari (ditta IOM-ex Sansolive) dove è stata rilevata solo una concentrazione modesta sul fondo (396 cellule/litro). Sulla costa di Monopoli (Castello S.Stefano) è stata rilevata una concentrazione modesta sul fondo (26408 cellule/litro) e scarsa in superficie (479 cellule/litro).

Brindisi, Lecce e Taranto

Torre Canne di fronte al faro la concentrazione nella seconda metà di luglio è invece scarsa: sul fondo (1400 cellule/litro) e scarsa in superficie (240 cellule/litro). Sempre a nord di Brindisi situazione lievemente peggiore (rispetto a Torre Canne) nei pressi di Apani – Lido S.Vincenzo: sul fondo (1671 cellule/litro) e scarsa in superficie (1566 cellule/litro).

Nel leccese quasi nulla in località San Cataldo – vicino al Faro e tra scarsa e modesta a Porto Badisco-scalo di Enea. Stessa situazione a Ugento, presso scarico Ittica Ugento a Punta. Sempre nella seconda metà di luglio, presso la spiaggia libera Torre Columena (Manduria) è stata rilevata una concentrazione molto abbonante sul fondo (1824797 cellule/litro) e discreta in superficie (9127 cellule/litro). Infine a Leporano (TA), in località stabilimento Baia d’argento è stata rilevata solo una concentrazione modesta sul fondo (5992 cellule/litro).


Alga tossica costa pugliese luglio 2018: situazione 1-15 luglio in Puglia

L’alga è già sulle nostre coste, in particolar modo lungo quella a sud di Bari, fra Japigia e San Giorgio, località Lido Trullo. Lo dice il bollettino dell’Arpa, il 1° dei rapporti quindicinali che vengono stilati dal mese di giugno a settembre, ogni anno. In località Lido Trullo la densità dell’alga rilevata in superficie è modesta ma non sul fondo:

  • sul fondo : 387716 cellule/litro (MOLTO ABBONDANTE)
  • in colonna d’acqua: 3475 cellule/litro (MODESTA).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fasano, il sindaco prende provvedimenti

Il bollettino presenta una situazione decisamente peggiore nel brindisino, per la precisione a Torre Canne di fronte al faro, dove la concentrazione di alga è la seguente:

  • sul fondo : 1278852 cellule/litro
  • in colonna d’acqua: 45231 cellule/litro.

I preoccupanti numeri hanno fatto scattare la reazione del sindaco di Fasano, Francesco Zaccaria, che ha vietato la balneazione fino al 20 luglio. Il divieto è valido sia per la località Torre Canne di fronte al faro sia per Forcatella.

Problemi anche in provincia di Taranto

Nel rapporto Arpa si evidenzia una concentrazione ancora più alta di alga anche a Manduria, nei pressi della spiaggia libera Torre Columena. La densità di alga rilevata è la seguente:

  • sul fondo : 3256562 cellule/litro
  • in colonna d’acqua: 4305 cellule/litro.
Alga tossica costa pugliese luglio 2018: concentrazione alta anche nel leccese

Nei pressi del Porto Badisco-scalo di Enea, sulla costa leccese di Otranto la situazione è anche preoccupante:

  • sul fondo : 1867685 cellule/litro
  • in colonna d’acqua: 16275 cellule/litro.
La tabella dei valori di emergenza
alga tossica costa pugliese luglio 2018
Tabella dei range di densità e relative classi di abbondanza
CONSIGLI

L’Arpa raccomanda di limitare il consumo di ricci di mare e di evitare di stazionare lungo le coste rocciose durante le mareggiate. Il conseguente “effetto aerosol” (che sarebbe dannoso) potrebbe provocare problemi temporanei alle vie respiratorie (riniti, faringiti, laringiti, bronchiti) ma anche congiuntiviti, febbre e dermatiti.

Ripetiamo la richiesta anche quest’anno: non sarebbe meglio segnalare (o prevedere) in tempo reale ai bagnanti la presenza dell’alga? Chiediamo troppo? Ciò permetterebbe ai bagnanti di andare incontro alle conseguenze sulla propria salute…

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

La Gazzetta Digitale

Torna SU