Alga tossica Puglia giugno 2019 | Ecco i dati aggiornati resi noti (come sempre in ritardo) dall’Arpa

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i


Alga tossica Puglia giugno 2019

Come ogni anno, l’Arpa Puglia ha diffuso i dati sulla concentrazione dell’alga “Ostreopsis ovata” lungo le coste pugliesi. Ecco il dettaglio dei dati sull’alga tossica Puglia giugno 2019.

ARPA, CI RISIAMO

Purtroppo i nostri appelli rivolti ogni anno all’Arpa continuano a restare inascoltati. L’Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione dell’Ambiente (Arpa) continua a diffondere i dati sulla diffusione dell’alga tossica sempre DOPO che i bagnanti, inconsapevoli, hanno trascorso intere giornate al mare, senza sapere se in quei giorni sarebbe stato meglio non andarci per il potenziale pericolo legato all’alga tossica. Ricordiamo che l’Asl Puglia, anche solo in caso di sospetta presenza dell’alga tossica, raccomanda di EVITARE di bagnarsi con l’acqua marina e di allontanarsi dalla spiaggia. Diffondere quindi i dati solo successivamente, visti anche i possibili malesseri che possono colpire i bagnanti, …. a cosa serve ?!

I SINTOMI

L’Asl avverte che si possono verificare dei malesseri (per lo più lievi e transitori), sia nei bagnanti che nelle persone che sostano sulla spiaggia o nelle zone circostanti. Nel primo caso vi è un contatto diretto con l’alga, mentre nel secondo caso la trasmissione avviene attraverso l’inalazione di aerosol marino. Le manifestazioni cliniche dell’esposizione algale, come ricorda l’Asl, sono in genere connesse alla reattività individuale: c’e chi accusa malessere e chi, nella stessa spiaggia e nello stesso momento, non avverte alcun disturbo. Possono presentarsi disturbi a carico delle prime vie aeree (rinite, faringite e tosse), manifestazioni dermatologiche, nonché manifestazioni a carattere generale (febbre, dolori muscolari, lacrimazione). Per i soggetti allergici o con malattie respiratorie croniche, possono manifestarsi riacutizzazioni della patologia preesistente. I sintomi si presentano dopo alcune ore (2-6), e regrediscono, di norma, dopo 24-48 ore senza ulteriori complicazioni.



SITUAZIONE, PER FORTUNA, TRANQUILLA (PER ORA)

I dati relativi al periodo 16-30 giugno 2019 non destano per nulla preoccupazioni su quasi tutto il litorale pugliese. La concentrazione dell’alga tossica si attesta infatti sullo ZERO cellule/litro sia sul fondo sia in colonna d’acqua. Una modesta concentrazione di alga tossica è stata riscontrata solo in località Porto Badisco-scalo di Enea (Otranto, Lecce) dove sul fondo il valore si attesta a 19304 cellule/litro (zero in colonna d’acqua).

TABELLE DI GIUGNO 2019
SEGNALAZIONI

In caso di presenza di colorazioni anomale dell’acqua di mare o degli altri indicatori dell’alga Ostreopsis ovata, si può (e si dovrebbe) avvisare al più la Capitaneria di Porto competente per territorio o le delegazioni di spiaggia, ove presenti.

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU