Arrestata per maltrattamenti ad Avellino | Una maestra nei guai

loading...

Arrestata per maltrattamenti ad Avellino

Guai per una maestra d’asilo di 58 anni che è stata arrestata per maltrattamenti ad Avellino. Per la donna sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Il fatto

Una insegnante di scuola materna è stata arrestata ieri 30 maggio 2016 dagli agenti della Questura di Avellino perché presunta responsabile di continue ed abituali condotte gravemente lesive dell’integrità fisica e morale di alcuni bambini. Tutti molto piccoli, di età compresa tra i tre e i cinque anni.

L’indagine, condotta dagli agenti della Squadra mobile di Avellino, è partita nel novembre 2015 in seguito alle denunce di alcuni genitori allarmati dagli strani atteggiamenti dei figli e dagli evidenti lividi che spesso presentavano sul corpo una volta tornati da scuola.

A confermare i dubbi e i timori dei genitori, sono stati i referti medici che hanno attestato i diversi disagi dei bambini: eccessiva sensibilità in casa, incubi notturni, incontinenza, radicali cambi di umore ed aggressività tra di loro, lesioni alla nuca, ecchimosi e lesioni al collo dovute presumibilmente a una pressione esercitata.

Molti di loro, i più piccoli, di età compresa tra i tre e i quattro anni, erano arrivati al punto di rifiutarsi di andare a scuola e alle richieste di spiegazioni dei genitori, si chiudevano in un silenzio pieno di paure pronunciando sempre la frase “non lo posso dire“.

E’ stato deciso di avviare un’attività d’intercettazione ambientale e video che ha permesso di togliere ogni dubbio sulla condotta della donna che a ogni capriccio dei piccoli adottava sistemi di coercizione fisica e violenza verbale accompagnata, in più di qualche occasione, da violenti schiaffi e tirate di capelli.

Dinanzi a una prova così schiacciante, la questura di Avellino non ha potuto fare a meno di disporre l’arresto ai domiciliari per la donna.

LEGGI altri articoli dalla CAMPANIA

@ Riproduzione riservata


Mauro Guitto

Mauro Guitto

Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
wpDiscuz
Torna SU