Elezioni Amministrative 2017 | Seggi aperti, oggi si vota in 1005 comuni

loading...

Elezioni comunali 2017 in 1005 comuni

Elezione diretta dei sindaci, dei consigli comunali e dei consigli circoscrizionali. Domenica 11 giugno si terranno le elezioni comunali 2017 in 1005 comuni italiani delle regioni a statuto ordinario.

L’affluenza in Italia è stata del 60,07% in calo rispetto alle precedenti amministrative (66,85%).

9.172.026 italiani al voto

Il Viminale ha quantificato in 9.172.026 (su una popolazione di 10.616.621), gli italiani che dovranno recarsi alle urne per esprimere la propria preferenza. Il voto servirà a eleggere i sindaci e a formare i consigli comunali e circoscrizionali.



Quando si vota

Domenica 11 giugno dalle ore 7 alle 23 si svolgeranno le operazioni di voto. Domenica 25 giugno dalle ore 7 alle 23 si terrà l’eventuale turno di ballottaggio che sarà previsto nel caso in cui nessun candidato sindaco dovesse raggiungere il 50% + 1 dei voti validi.

Elezioni comunali 2017 in 1005 comuni: DOVE si vota

Si voterà non solo nei comuni delle Regioni a statuto ordinario ma anche in quelli delle seguenti regioni a statuto speciale: Friuli-Venezia Giulia, Sardegna e Sicilia. Hanno invece già votato il 7 maggio 2017 in Valle d’Aosta e Trentino-Alto Adige. Delle città dove si andrà a votare:

  • 4 sono capoluoghi di Regione (Genova, L’Aquila, Catanzaro, Palermo)
  • 21 sono capoluoghi di Provincia (Alessandria, Asti, Cuneo, Como, Lodi, Monza, Belluno, Padova, Verona, Gorizia, La Spezia, Parma, Piacenza, Lucca, Pistoia, Frosinone, Rieti, Lecce, Taranto, Trapani, Oristano).
Chi sono gli elettori

Come detto, sono 9.172.026 gli elettori in 10.822 sezioni elettorali di cui:

  • 4.428.389 sono di sesso maschile
  • 4.743.637 di sesso femminile.

Nelle regioni a statuto ordinario, saranno 785 i comuni dove 7.271.706 elettori andranno a votare in 8.690 sezioni, di questi:

  • 3.507.017 sono di sesso maschile
  • 3.764.689 sono di sesso femminile.
COME si vota

Nei Comuni con popolazione:

  • inferiore a 15 mila abitanti, VOTO CONGIUNTO (indicando una sola preferenza si vota sia il candidato Sindaco sia la lista a lui collegata);
  • superiore a 15 mila abitanti, VOTO DISGIUNTO (si può votare il candidato Sindaco e la lista a lui NON collegata).

Possono votare coloro che abbiano compiuto i 18 anni di età che sono in possesso di tessera elettorale e documento valido d’identità, entrambi da presentare in seggio. Il diritto di voto si esercita presso la sezione elettorale del Comune di residenza nel quale si è iscritti.

Chi è ricoverato in ospedale

L’elettore che sia degente in un ospedale o casa di cura è ammesso a votare nel luogo di ricovero per le elezioni del comune nelle cui liste elettorali è iscritto se la struttura sanitaria è ubicata nel territorio del comune.

A tal fine deve presentare al Sindaco un’apposita dichiarazione recante la volontà di esprimere il voto nel luogo di cura e l’attestazione del direttore sanitario dello stesso luogo di cura comprovante il ricovero.

La dichiarazione, da inoltrare per il tramite del direttore amministrativo o del segretario dell’istituto di cura, deve pervenire al suddetto Comune non oltre il terzo giorno antecedente la votazione.

Per conoscere i dati sull’affluenza

Sul sito del Ministero dell’Interno si potranno consultare sia i dati sull’affluenza alle urne (ore 12, 19 e 23) sia i risultati. Lo scrutinio dei voti partirà dalle ore 23, dopo aver concluso le operazioni di voto e aver accertato il numero dei votanti.



LEGGI anche
@ Riproduzione riservata


Mauro Guitto

Mauro Guitto

Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
wpDiscuz
Torna SU